Uomini che odiano le donne

IMG_4996.JPG

Ogni mese The Blonde Witch Project conta un centinaio di migliaia di accessi, prevalentemente da parte di donne, curiosamente mosse dalle stesse domande, dagli stessi dubbi, dai medesimi desideri.

The Blonde Witch Project è il mio bambino, la mia creatura meglio riuscita, un piccolo porto sicuro in cui attraccare quando ci si sente perse in un mare in burrasca. Attracco io, attraccate voi e poi ci dondoliamo insieme, paciose come barchette in siesta. Alcune barchette arrivano nel nostro porticciolo un po’ ammaccate. Qualche botta presa qua e là, qualche onda troppo alta che le ha sballottate un po’. Arrivano qui all’inizio scettiche, perché la promessa di #tbwp “Magicize Your Life” in effetti è un po’ ambiziosa. Ma poi ci tornano. Perché pare, e dico pare, che se ti impegni sta cosa del render magica la propria vita funzioni. E allora perché non provarci davvero?

E così siamo qui tutte insieme. Ed io, a tirare un po’ le redini di questo bellissimo gioco al femminile, ogni giorno leggo decine e decine di vostri messaggi. Molti sono di ringraziamenti e complimenti (potete continuare a mandarmeli? No perché nelle giornate #fanculoatutto non sapete quanto mi servono!) Molti altri sono messaggi carichi di dolore, di malinconia, di disperazione.

Io li leggo e rispondo, cercando di mantenere un doveroso distacco, ma certe volte proprio non riesco. Non ci riesco quando mi parlate di uomini. Di un certo tipo di uomo, a dire il vero. Una tipologia di maschio che sembra sempre più frequente nella società attuale. Un tipo di maschio dal quale dobbiamo assolutamente imparare a stare alla larga. Da subito.

E allora vediamo di riconosceregli atteggiamenti di quello che io chiamo con diversi simpatici epiteti tipo “killer di sentimenti”, “vampiro”, “verme” ma che tecnicamente viene definito

Il  “narcisista patologico”. 

Riconosciamolo attraverso i 5 modi di fare tipici e poi scappiamo a gambe levate!

1) La scelta della preda Sceglie sempre determinate tipologie di donna. In genere sono donne molto ammirate. I motivi scatenanti questa ammirazione, però, possono essere moltissimi ed è per questo che inizialmente risulta molto difficile capire di avere a che fare con un “narcisista patologico”. Può darsi che di voi lo attragga la bellezza, o una spiccata intelligenza, una posizione lavorativa di rilievo, un carattere particolarmente spumeggiante, una sensualità che attira gli sguardi… Insomma. Di sicuro nella prescelta c’è qualcosa che lui sa lo farà ammirare dagli altri.

Il “vampiro” accanto a se, vuole una “donna manifesto”, possibilmente innamorata pazza di lui. Praticamente una dichiarazione vivente di quanto lui sia “in gamba”.

2) Corteggiamento spettacolare Si presenta come un principe azzurro. Vi ricopre di regali, vi stupisce continuamente, organizza per voi momenti speciali che vi lasciano senza parole. Più di tutto sembra avere questa capacità di intuire quello di cui avete bisogno e di farvelo avere esattamente quando ne avete bisogno. È tutto spettacolare, ogni suo movimento meriterebbe un applauso! Tutto talmente fuori dall’ordinario che, se ci pensate, potrebbe perfino sembrare finto. E infatti è assolutamente, innegamilmente, FALSO!

Se volete la certezza di trovarvi di fronte un vampiro osservate cosa fa dopo aver fatto il gesto. È concentrato sulla vostra reazione? Vuole sapere quanto siete felici? Oppure si gode la vostra ammirazione e magari quella dei presenti e, se per caso dite un “grazie” in meno ci rimane male e mette i musi?

Il narcisista patologico corteggia platealmente per averne un riscontro in termini di stima e ammirazione. Il più delle volte corteggia una donna che inconsciamente considera al di sopra delle proprie possibilità e per arrivare a conquistarla mette in atto un piano dettagliatissimo che in genere comprende anche finzione e bugie.

3) Bugie Il vampiro mente. Mente su tutto. Inizialmente saranno piccole innocue bugie. Scoprirete per caso che il suo titolo di studio non è esattamente quello che vi aveva raccontato al primo appuntamento. Penserete di aver capito male, anche perché lui giurerà e spergiurerà (probabilmente con un sorrisetto innocente) di non aver mai detto una cosa simile e che probabilmente siete voi ad esservi confuse.

Ma certo che vi aveva detto di vivere in affitto, non ha mai detto che la casa era sua! Non ha mai detto neanche che la sua ex era una modella bellissima! E di certo avete capito male quando avete creduto di sentirgli dire che per lui sceglieva sempre alberghi a 5 stelle e vacanze da sogno!

Non avete capito male. Sono tutte cose che ha detto. Costruendo un’immagine di se volta ad impressionarvi. Ma prima di tutto ad impressionare se stesso! Un uomo che si comporta così con una donna crede, dentro di se,  di non poter accedere a lei con i suoi soli mezzi. E così mette in atto una recita talmente perfetta da ingannare non solo voi, ma anche se stesso.

Ed infatti, anche messo di fronte all’evidenza delle sue bugie quando il castello crollerà, continuerà a negare. E a quel punto comincerà a dare la colpa a voi. Sarete stupide, distratte, goffe, pazze, prive di equilibrio. E quello sarà solo l’inizio del vortice senza fine in cui vi trascinerà se comincerete a credere di essere voi quelle sbagliate.

4) Pregi che diventano difetti. Il narcisista patologico è un abile incantatore. Sa perfettamente quali sono i vostri punti deboli e sa esattamente cosa dire per lusingarvi, addolcirvi e farvi abbassare la guardia.

Comincerà ad elogiare alcune vostre caratteristiche che in genere saranno quelle su cui avrete lavorato di più nel corso della vostra vita. Voi vi stupirete della sua sensibilità, del fatto che se ne sia accorto e che ami quelle cose che per voi sono di vitale importanza. Le vostre passioni, alcune caratteristiche specifiche, le vostre amiche, la vostra famiglia.

Ma improvvisamente un giorno tutto cambierà. Se prima amava tanto di voi quell’attenzione a vestirvi alla moda curando il dettaglio e trascorrevate i pomeriggi insieme a scegliere il paio di jeans perfetto, d’improvviso quando vi preparate per uscire sarete sempre troppo lente, fissate, frivole, vanitose.

Smetterà di dirvi che siete belle, con quell’abito, dirà che siete “fuori luogo” 

In realtà voi siete belle come prima! Semplicemente non si può portare avanti una recita in eterno e la sua insicurezza comincia semplicemente a saltar fuori. Inoltre, una volta conquistata la preda più ambita (voi), lui avrà completamente appagato se stesso. E visto che quella era l’unica cosa che gli interessava vi toglierà TUTTO. Poco per volta. Ma inesorabilmente.

A questo punto, stanco della continua dispersione di energie che richiedeva portarsi alla “vostra altezza”, comincerà a cercare di minare le vostre certezze, proverà a farvi vacillare, a sminuirvi. Della serie “Se non posso alzarmi io allora trovo il modo di far scendere te!”

Attenzione. A questo punto urge una precisazione. So che molte di voi ora staranno pensando “Ma io non mi sento affatto superiore a lui! Anzi. Io lo vedo bellissimo e in gamba e brillante e intelligente! Molto più di me!”

Ragazze. Purtroppo quello che pensate voi non conta. Più glielo direte, più vi sentirete rispondere che mentite. Che non lo amate. Che volete solo sminuirlo! Conta solo ed esclusivamente quello che pensa lui. Lo capirete molto presto.

5) La colpa non è mai sua È incredibile quello che questo genere di uomo riesce a fare, messo di fronte alle proprie responsabilità.  In genere si tratta di uomini che, proprio per queste loro caratteristiche, non sono mai riusciti ad instaurare veri e propri rapporti d’affetto. Osservatelo con attenzione. Ha degli amici veri? Il suo telefono squilla e sono persone che gli vogliono bene che hanno bisogno urgente di un suo consiglio? Oppure i suoi sono tutti rapporti di convenienza, lavoro, aiuti materiali reciproci? In questo quadro la famiglia ricopre ovviamente un ruolo fondamentale. E, molto spesso, questi uomini hanno genitori assolutamente iper presenti e accondiscendenti che li hanno viziati, accuditi come bambini, riparato i colpi e tappato le falle, impedendogli di crescere.

Ma voi voi siete un’altra cosa. Siete la donna, la fidanzata, la moglie. E avrete il dovere di condividere con lui le preoccupazioni quotidiane.

Questo genere di uomo solitamente ne combina di ogni. Saranno tutte cose assolutamente prive di logica, vi chiederete come sia possibile che le faccia e non si renda conto di quanto siano “sbagliate”! E ogni volta che proverete a farlo ragionare, lui lo percepirà come un attacco, un affronto, una ferita alla sua autostima! Diventerete cattive, perfide, pazze (“Sei pazza!” sarà la frase che vi sentirete ripetere più spesso, per poi un giorno scoprire che con i reparti psichiatrici forse lui ha già avuto a che fare. E voi non sapevate nemmeno questo!)

Non sarà mai colpa sua. Dimenticatelo! Sarete sempre voi ad ingrandire in maniera spropositata dei suoi piccolissimi errori di superficialità. Anche se il piccolissimo errore si chiama Marta, fa un lavoro non ben specificato ma di certo non la maestra d’asilo, e il suo cellulare è pieno di foto del “piccolo errore” in pose che neanche nel reparto ginecologia della Mangiagalli.

È solo uno dei tanti esempi, in realtà, i “piccoli errori di superficialità” possono essere di varia natura e toccare differenti sfere: i soldi, ad esempio, con cifre astronomiche spese al di fuori del bilancio familiare e per cause misteriose che in genere si scoprono essere sempre dipendenti da vizi di varia natura. O semplicemente comportamenti scellerati, privi di logica e di giudizio, e soprattutto privi di senso di responsabilità. Comportamenti che si possono perdonare ad un ragazzino. Non ad un uomo.

Volete sapere come finirà? Ecco qui.

All’inizio cercherete di farlo ragionare. E vi sembrerà persino di riuscirci perché vi ingannerà con qualche lacrima (sono abilissimi a piangere a comando) e chiederà scusa! Chiederà e richiederà scusa! E allora voi direte, e sono sicura che lo state pensando anche ora, “Vedi? Allora si rende conto! Allora è pentito!” Attenzione, perché se lo state pensando siete già nel vortice. Fateci caso. Lui chiede scusa, questo è vero, ma probabilmente le sue sono scuse per l’ultimo gesto commesso ma MAI per la causa scatenante il gesto!

Per esempio se di fronte ad una vostra osservazione lui vi urla contro e voi vi mettete a piangere lui chiederà scusa per l’urlo ma MAI per quello che aveva suscitato la vostra osservazione. Se , in futuro, lo riporterete sui fatti dirà che voi avevate ingigantito la cosa e che, di conseguenza, (sempre di conseguenza) lui ha perso la pazienza.

D’improvviso comincerete a pensare di essere pazze davvero. Di vedere cose che non esistono. Sarete di fronte ad un muro di gomma, lui vi ricaccerà indietro ogni vostro tentativo di riflessione. Con le buone o con le cattive che sia.

Un giorno arriverà il primo schiaffo. Vi chiederà scusa. Di nuovo. Chiederà scusa per lo schiaffo ma MAI per quello che ha portato allo schiaffo. E di nuovo sarete voi ad aver ingigantito, esagerato, mostrato di non essere equilibrate. Lui ha solo perso la pazienza perché voi siete così, lo fate imbestialire.

La colpa è vostra.

VE LO SIETE MERITATE.

Potrei raccontarvi cosa accadrà dopo quello schiaffo. Vorrei raccontarvi quante altre cose terribili meriterete, voi che siete così brutte, spregevoli, sbagliate, stupide! Ma voglio invece immaginare con voi quello che vorrei accadesse.

Vorrei vedervi scappare. Oppure cambiare la serratura di casa e chiuderlo fuori, lasciarlo solo con le sue insicurezze e la sua solitudine. Perché, potete giurarci, senza di voi sarà completamente solo. E disperato.

Voi invece no. Voi sarete libere.

E visto che molto spesso mi scrivono donne che non hanno lavoro, non sono indipendenti e per questo temono di ritrovarsi in situazioni problematiche una volta sole, voglio dirvi… Non abbiate paura. Fatevi aiutare. Non abbiate timore del vostro futuro!

È il vostro presente, con lui, che dovete temere! E liberarvene prima che sia troppo tardi.
Al prossimo incantesimo…

25 Comments

  • Stella scrive:

    Oh Iaia sembra che le cose che hai scritto tu le abbia lette nella mia testa.. Ma come fai ? :-)
    Sono tutte cose vissute..che ho passato con la medesima persona .. Prima ti fa sembrare bellissima e dopo poco una pazza.. Allora ti dice che non sei più donna,che non sei più bella né tantomeno fantastica.. Eppure sono sempre io no?me lo sono chiesta per 10 lunghi mesi..e la colpa?vogliamo parlare di quella?sempre e solo mia.. Lui l Angelo poverino e io il diavolo.. Iaia su questo post mi hai fatto riflettere tanto.. Perché non ti ho conosciuto prima?avrei evitato così tante sofferenze..un bacio

    • Iaia De Rose scrive:

      Le cose arrivano al momento giusto. Quella sofferenza ti è servita! Guarda che splendore che sei diventata! Ed io che ti ho conosciuta quando eri in pieno nel tuo tunnel oggi sono così orgogliosa di vederti splendere! Ti abbraccio.

  • FrancescaBG scrive:

    Purtroppo anch’io mi sono imbattuta in uomo così, a soli 23 anni. Lui aveva 15 anni più di me. E’ durata un anno. I primi sei mesi da favola, per il resto una tragedia. Non è mai arrivato agli schiaffi, ma ti posso Idire aia che dopo quell’anno ero un fantasma. Autostima sotto i tacchi, mi sentivo brutta, stupida, inutile. In una parola: demolita. Poi ho capito che in realtà era lui quello che non stava bene con se stesso, che si sentiva inferiore a me. Sai quante volte si arrabbiava perchè i suoi amici chiamavano me invece che lui? E parlo sia di amici maschi, che, soprattutto di amiche. Era geloso delle loro attenzioni verso di me, dei complimenti che gli facevano perchè: “finalmente si era trovato una donna di un certo tipo” (parole loro). Questa cosa non la sopportava. Io allora non capivo e gli dicevo che doveva esserne orgoglioso. Invece no, lui si metteva in competizione con me! Voleva solo una fidanzata-ombra, che mettesse in risalto lui. Guai se mostravi un pò di personalità che venisse notata anche dagli altri!
    Non so neanche come ad un certo punto ho avuto la forza di dire basta. Ma ringrazio ogni giorno di essere riuscita a farlo!!!
    Poi col tempo ho capito perchè mi ero scelta un uomo così: perchè non mi volevo bene!!
    Da allora sono passati 4 anni. Lavoro duramente ogni giorno su me stessa per migliorare e crescere. Non ti nascondo che, quando mi sento giù e ho bisogno di un pò di incoraggiamento, vado a rileggere alcuni tuoi post che sono un toccasana per l’autostima!
    Ti abbraccio,

    Francesca

    • Iaia De Rose scrive:

      Sono felice che il mio blog ti faccia bene. E ancor più felice che tu ti sia liberata del soggetto in questione. Che tu ci abbia messo del tempo è più che normale! Noi donna siamo così, sulle scelte riflettiamo a lungo ma quando decidiamo è impossibile riportarci indietro.
      E poi loro sono molto abili a passare per vittime. Pensi di essere stata troppo severa! Pensi di essere troppo esigente! Ed invece il proprio benessere è da esigere assolutamente! Senza se e senza ma! A presto amica…

  • Sara scrive:

    … analisi perfetta! Fortunatamente arrivata al punto 5 la fine l’ho scritta io… un bel calcio (metaforico naturalmente) nel sedere e tanti saluti!! Spero che leggendo questo articolo anche altre streghette aprano gli occhi… purtroppo in giro uomini così ce ne sono tanti. Un bacio Iaia

  • Monique scrive:

    Io l’ho incontrato, Iaia, purtroppo anch’io faccio o meglio, facevo parte delle schiera delle donne che hanno amato un “vampiro”! Questo essere racchiudeva in sé una serie di tipologie/patologie che per quasi tre anni ho evitato di vedere! Un disastro, credimi! Le balle che ha raccontato per abbindolarmi sono iniziate dal primo giorno che l’ho conosciuto, da me ha preteso tutto (se scrivo tutto, Iaia, intendo proprio tutto!). Mi ha spenta, mi ha illusa, mi ha disillusa, è sparito per settimane, l’ho lasciato quattro volte ed ogni volta che ho accettato di tornarci insieme una parte di me si perdeva per strada. Mille illusioni si sono schiantate contro il muro di ipocrisia e bugie che ha costruito attorno a me. Poi, finalmente, mi sono svegliata! Un giorno ho aperto gli occhi, dopo mesi durante i quali mi accusava delle peggiori colpe (l’unica invece di cui posso accusarmi è quella di aver resistito troppo tempo), tentando di manipolare la realtà… mi sono detta “Okay Monica, ora basta, guardati indietro, sii obiettiva, lui non ti amerà mai, non ti ha mai amato, ti ha mentito su tutto, lui indossa una maschera e non sarà mai l’uomo che sognavi di aver incontrato!”. Sono sparita dalla sua vita, subito, all’istante. Lui ha provato a chiamarmi, ha tentato di addossarmi nuovamente assurdità incredibili, scrivendomi cattiverie, ma io ho cambiato numero di telefono, l’ho ignorato! Sono trascorsi ormai due anni e ne sono uscita. L’ho incrociato mesi fa per lavoro ma non mi ha fatto alcun effetto, ho capito che è un piccolo uomo, con la u minuscola! Un abbraccio anima bella!

  • Angela scrive:

    Hoo Iaia come è vero..come è vera questa descrizione, io ho vissuto un rapporto simile per molto tempo, con una persona più grande di me che mi faceva sentire esattamente così..schiaffi mai ma li fatto che mi ha fatto “svegliare” è stato uno spintone dato dopo una litigata..e così me ne sono andata piangendo per un mese raccogliendo quello che di me era rimasto e giurando che mai più.. insomma dopo non molto ho trovato una persona meravigliosa che mi ha fatto capire che sapore e colora ha l’amore vero, quello che ti fa sognare stare bene,ridere come una pazza ed essere te stessa.. la spensierata di sempre che faceva sorridere tutti.. un bacio bella bionda p.s : Ma l’hai poi messo il mobile bianco in bagno con l’iorchidea sopra? Sono la ragazza che aveva capito dove lo avresti posizionato :-)

    • Iaia De Rose scrive:

      Evviva! Sono molto contenta della tua rinascita! Lo spintone, forse, ti ha salvata! Il mobiletto è già in bagno. Ma ancora niente orchidea! Conto di trovarla nei prossimi giorni!

  • Alessandra scrive:

    Ciao Iaia e ciao a tutte…… Ogni qualvolta mi trovo a leggere di donne maltrattate fisicamente o psicologicamente provo un turbinio di sensazioni che non riesco a spiegarvi… Tristezza, rabbia, dolore, frustrazione ma soprattutto mi pervade un senso di DELUSIONE che neanche vi immaginate.
    Perché ogni volta nella mia testa si compone una domanda semplice ma molto molto efficace…… Ma PERCHE’??????
    Perchè alle volte noi donne diventiamo vittime inconsapevoli (ma neanche troppo a volte) di questa razza di uomini?????
    Perché alle volte l’amore ti fotte….. O almeno alle volte siamo noi che ci facciamo fottere, in sensi diversi scusate!!
    Mi risulta sempre difficile comprendere chi rimane vicino al proprio carnefice e chiedo scusa per questo ma penso che in primis chiunque…. donna o uomo che sia non dovrebbe mai dimenticarsi della propra dignita’!!!
    Però poi penso al fallimento del mio matrmonio, alle cocenti delusioni in amore e a tutto quello che ho passato in nome di questo benedetto Amore e mi rendo conto anche io di appartenere a questo club….
    E non importa se non ho preso fisicamente degli schiaffi…. alle volte mi avrebbero fatto meno male (si fa per dire)!
    Fortunatamente sono sempre sopravvissuta, mi sono tirata su le maniche e via andare!
    Ma parlarne mi ha aiutato tantissimo… prima durante e dopo…..
    Forza amiche date un bel calcio nel culo a questo genere di uomo…. perché davvero NON VI MERITA!!!!!!
    Ogni giorno si sentono di quelle storie che sembrano appartenere ad un film horror e invece fanno parte della realtà quotidiana per qualcuna…… Gridate e chiedete aiuto e troverete la forza di reagire e scappare.
    Fatelo per voi stesse, per l’amore verso voi stesse che in fondo è ciò che realmente conta per sopravvivere a volte!!!!
    Iaia inutile dirti che a completare l’opera dell’universo meraviglioso di sentimenti che ti inonda mancava questo post…. Sei davvero in gamba.
    Grazie streghetta!!!!

  • Mia? scrive:

    Io ci sono dentro da due anni e mezzo in una storia cosi. Iniziata coi fuochi d artificio e man mano abbassatasi, triste e annichilente. Mi chiedo se è colpa mia, se esagero, come dice lui, nel vederla cosi drammatica. Ero la prima cosa nella sua vita, ora sono l ultima. Ed ora che cerco di uscirne, lui un po mi prega, un po promette, un po mi incolpa… E la paura di restare sola, di stare sbagliando, di stare esagerando

    • Iaia De Rose scrive:

      Che è la paura tipica di tutte. Perché è chiaro che lui si difenda così. Dandoti della pazza. Ma se guardandoti allo specchio non ti riconosci. Se sei sempre triste. Se piangi. Se ti senti sbagliata. Se ti fa male lo stomaco. Se la notte non dormi. Se intorno a te tutti ti chiedono che cos’hai… Allora devi tagliare. Fatti aiutare! Intorno a te c’è di sicuro qualcuno che può darti un parere sincero…

  • Giulia scrive:

    https://m.youtube.com/watch?v=H7BH57oWzdU

    ‘…e non ho fatto altro che sentirmi sbagliata
    ed ho cambiato tutto di me perché non ero abbastanza
    ed ho capito soltanto adesso
    che avevi paura’.
    Carmen Consoli, ‘Blunotte’

  • Liz scrive:

    Ciao Iaia, io fortunatamente non mi sono mai imbattuta in uomini così (sarà perché ho sposato il mio primo e unico fidanzato e che stiamo insieme da quando eravamo poco più che bambini), ma molte mie amiche si.. sono convinta che leggere questo tuo post sarà utile anche per loro, perché le tue sono proprio parole sante!!!! E concordo sul fatto che il tuo blog è un porticciolo sicuro a cui attraccare: i tuoi post mi mettono sempre di buon umore! Un bacione! ♡

  • lavale scrive:

    il vampiro,che ti succhia l’autostima , l’ho incontrato anni fa.egocentrico,genitori che lo hanno protetto in situazioni gravi,capace di esaltarti e distruggerti con un solo commento..spero che tutte le donne scappino,veloci come il vento, come una gazzella che non vuol finire in mezzo ai trofei……..(cit. Ornella Vanoni, che canta la canzone che adoro e che porta il mio nome:) ) un bacione grande

  • manuela scrive:

    ciao Iaia! lo so ti scrivo in questo post che non centra nulla ma volevo dirti che io ti seguo da poco, sono manuela ho 25 mi piace la moda , il vivere sano e stare bene
    mi rispecchio molto in te, ti trovo una bella persona e mi trasmetti positività
    ora seguo il tuo blog molto spesso mi piace molto!
    grazie dei consigli
    un grande in bocca al lupo per tutto
    baci!!!!!!

  • Ely scrive:

    DIVULGARE MESSAGGI COME QUESTI È LA COSA MIGLIORE CHE SI POSSA FARE… IL MIO È UN PARERE FORTE, FORSE SCOMODO, ENTRAMBE LE PARTI VANNO AIUTATE UN GRAZIE DA UNA PERSONA CHE UN ESPERIENZA SIMILE L’HA VISSUTA

  • Farfalla scrive:

    CIAO Iaia e a tutte voi io sono molto ingenua l esperienza è un dono che non ho ancora…non so se rientro in questo genere di esperienza ho provato a farmi dare un parere da qualcuno che sicuramente mi poteva fornire un modo di vedere le cose in maniera più simile alla realtà ma non ci sono riuscita purtroppo …spero che altre riescano anche grazie a questo sito di riuscire ad uscirne prima che sia troppo tardi..prima di perdere anche se stesse…quindi grazie iaia

  • stella scrive:

    Ehi Iaia, ho bisogno di un tuo saggio consiglio..tra pochi giorni sarà natale e come sai quella persona che mi ha fatto tanto star male lavora con me.. arriverà il 24 e ci salutaremo tutti con baci e auguri..bene..io ora sto bene e lo sai.. ma come mi devo comportare? Ho bisogno di vincere l ennesima prova e uscirne a testa alta..grazie cara..kiss

  • Milena scrive:

    Cara Iaia.. Non è facile scriverti queste cose anche perché le scrivo perché tu possa aiutarmi per mia mamma.. Mia mamma è sposata con un uomo (mio padre) che da 20 anni sta con un’altra donna.. Lei fa finta di niente perché senza lui si sente nessuno.. Ha problemi di salute mia mamma e per questo non può lavorare come una persona qualunque..noi non siamo ricchi.. Uno stipendio bastava per tre.. Appena.. Ultimamente lui dà segni di pazzia e qualsiasi cosa dice lei lui alza le mani e la voce.. Io ho vissuto in casa questa situazione fin da bambina senza poter fare niente.. E nemmeno ora.. Perché se faccio qualcosa lui si arrabbia con me.. E io non credo che nessuno voglia vederlo arrabbiato..lei ovviamente sapendo della situazione è abbastanza assillante in casa per tutto e allora ecco l inferno.. Aiutami ti prego.. Stasera se ne è andato di casa.. Un bacio

    • Iaia De Rose scrive:

      Sei tu che devi prenderti cura della tua mamma che, in questa situazione, mi sembra la creatura più debole. Chiama la polizia. Un uomo violento va fermato SUBITO, con le maniere forti, prima che sia troppo tardi. Credimi. Forse tua mamma subito non capirà… Ma alla fine ti ringrazierà. Fallo subito. Noi siamo qui. Per qualunque cosa.

  • Deborah scrive:

    Salve ragazze… lui era il.classico bravo ragazzo…disponibile,paziente, accondiscendente, era il mio amore…quattro anni e mezzo di rapporto a distanza finalmente un anno e mezzo fa si è trasferito qui a roma… e li sono nati i problemi… non si metteva mai in discussione, non accettava critiche anche banali, le mie attenzioni per lui non erano mai abbastanza, spariva regalandomi il rumore del silenzio, o il suono doloroso di un.cellulare spento, tradimenti vari, freddezza, giocava sui miei sensi di colpa, mi.manipolava, e potrei continuare ancora… due mesi fa mi ha lasciato piangendo, non mi amava più… solo da un paio di settimane ho capito documentandomi che avevo accanto un narcisista patologico. Ragazze mi ha devastato,ha lasciato ferite che dubito si cicatrizzeranno. Mi ha usato come appoggio per trasferirsi a roma… devastato psicologicamente. State attente a chi vi asseconda, a chi promette l’impossibile, a chi non si cura dei vostri bisogni, a chi non ammette i suoi errori, state attente perché queste persone riescono a svuotarvi, traumatizzarvi e segnare per sempre…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>