Ultima giornata a Sanremo: è tempo di pronostici

In queste ore, a Sanremo, ogni anno si assiste alle stesse scene. 

Li riconosci, i giornalisti, se ne stanno appartati a gruppetti a parlottare tra loro cercando di produrre in anticipo il pezzo che conterrà l’unica notizia che conta: il vincitore di stasera. 

Per arrivare al nome si tentano pronostici  basati nell’ordine su: previsioni già abbozzate da qualcun altro, incrociate con le proprie, con quelle del vicino di posto in Sala Stampa e quelle della commessa dell’Upim all’angolo dietro l’Ariston. Si valutano poi le congiunzioni astrali, le previsioni meteo del Colonnello Giuliacci, la rosa dei venti Sanremesi e, in ultimo, si chiede un giro di tarocchi a Solange. 

Fatto ciò non ci si capisce una fava lo stesso e, alla fine, in genere si scrive un pezzo uguale cambiando il nome del vincitore e due parole qui e là.

Per esempio… Rocco Hunt, innovazione,  televoto, energia. 

Patty Pravo, tradizione, carriera, giuria di qualità.

Vedete? Funziona. 

Io mi aggiro in Sala Stampa con i miei tacchi alti, il cappottino sciancrato e in mano la mia arma letale, lo Smartphone. 

Mi guardano tutti strano, non ho molto l’aria di una giornalista, in effetti. E infatti non sono una giornalista. Lo dico per tutte quelle haters che in questi giorni si sono lanciate in sproloqui tipo “Ma sei una giornalistaaaaa??? Ma allora cosa ci faiiii liiiii??? E perché? E com’è???” Perché mentre voi vi sforzavate a capire come facessi ad essere in Sala Stampa io, semplicemente, facevo in modo di essere in Sala Stampa. Ecco. 

Ma in fondo a me piace che la gente si interessi a quello che faccio, anzi, più si interessano e più si crucciano e più a me piace.

Quindi ecco per le mie haters la risposta che attendevano. Non sono una giornalista, non ho preso il patentino da ragazzina, perché i giornalisti non possono fare pubblicità. Io la pubblicità volevo farla. Con la pubblicità si guadagna, sapete? Quindi non sono giornalista. Sono tante cose. Per esempio ho un Blog. Se hai un Blog ben fatto e che fa i numeri (e mettetevi l’anima in pace, The Blonde a Witch Project fa i numeri) entri un po’ dove vuoi. A Sanremo c’è un’area dedicata al Web. Lì i Blogger hanno libero accesso. In Sala Stampa tradizionale, invece, i Blogger non potrebbero entrare. A meno che non siano me. Ahahah! Scherzo! A meno che non collaborino con testate cartacee. Che è il mio caso. 

Volete sapere che lavoro faccio e se lo faccio gratis? Certo!  Di lavoro non faccio nulla. Siccome sono nata discretamente gnocca per mestiere io sorrido, annuisco, cammino sui tacchi e pettino Chihuahua.

Siccome poi sono la Strega Bionda, ovviamente, il mutuo, la macchina, gli abiti, le borsette, la spesa, il mangiare dei cani e le vacanze, si pagano da soli a colpi di bacchetta magica. In caso di difficoltà comunque non mi affliggerò e chiederò a voi Haters, che visto che voi lavorate tantissimo, di certo non avrete problemi a pagarmi qualche sfizio.
Ed ora torniamo a Sanremo. Del resto eravamo qui per questo ma, scusate, le haters mi fanno troppo ridere.

  
Allora… Da quel che sono riuscita a capire, tra un lancio di Rune e una lettura dei I Ching i favoriti per la stampa sono : Rocco Hunt, che può contare su un solidissimo televoto da parte del Sud, Annalisa che appoggerebbe un eventuale successo sul televoto ma anche su una certa stima da parte della giuria di qualità che l’ha vista maturare e sdoganarsi dall’idea di reduce da un Talent Show e Iurato-Caccamo, che puntano su belle voci e brano orecchiabile. In corsa, anche se a passo un po’ più lento, la deliziosa Michielin che ieri ha festeggiato, a fine esibizione mostrando i pugni chiusi in segno di vittoria.
Io non sono molto convinta, di queste previsioni, e azzardo le mie.

Dall’inizio ho puntato tutto sugli Stadio e resto della mia idea. Il brano, a mio parere, è il più poetico. Il giro armonico rende il brano commerciale ma la voce narrante è particolare e al tempo stesso fa parte della nostra tradizione. 

Arisa canta come un disco bello e imballato, non può passare inosservata. Mi auguro che salgano sul podio anche Elio e le storie teste, l’arrangiamento è il migliore e, dal vivo sono dei mostri. Ah. Elio, spesso sottovalutato, canta benissimo. 

Noemi, Annalisa e Michielin sono tutte e tre molto brave ma credo schiveranno il podio di poco così come Valerio Scanu. 

Premio della critica, immagino, a Patty Pravo che comunque io vorrei sul podio. Io a Patry farei vincere anche l’Oscar. Potrebbero premiarla con il riconoscimento della critica. 

Ho usato vari condizionali perché tutto si giocherà questa sera. La diretta ha i suoi tempi, i suoi segreti, le sue vibrazioni. Bisogna ascoltare quelle per capire chi sarà vincitore. Io resto qui. Tutta orecchie per voi.

Per commentare in diretta mi trovate su TWITTER e su FACEBOOK

Secondo voi? Chi vincerà? 

Al prossimo incantesimo…

9 Comments

  • Irene ha detto:

    …e mentre gli altri si chiedono come hai fatto, tu lo fai!! Spacca tutto Iaia sei la numero unooooooo!!!!

  • Liz ha detto:

    Ciao Iaia!!!! Bellissimo post, ironico e coinvolgente! E il fatto che tu sia riuscita ad accedere alla sala stampa del Festival e l’ennesima dimostrazione del fatto che con la fatica, l’impegno e la passione in ciò che si fa si possono raggiungere dei risultati! Bravissima Iaia, te lo meriti tutto l’accesso alla sala stampa! Un bacione!!!!! Ps: secondo me meriteresti anche la conduzione del festival!

  • grazia ha detto:

    France per me vingono Gli Stadio sei meravigliosamente brava.

  • Rebecca ha detto:

    Io sono contenta che sia rientrata in gara Irene Fornaciari. A me la sua canzone ha colpito. Ti rimane. E lei è elegante e serena. Forse sottovalutata proprio perché “figlia di papà”… non so, mia opinione. Mie sensazioni. Buon lavoro Iaia!

  • Eugenia ha detto:

    Ciao Iaia, sarai nata anche discretamente gnocca ma soprattutto hai il dono di saper far ridere e sorridere… E per questo non servono patentini da giornalisti! In bocca al lupo e w Noemi

  • Maurizio ha detto:

    La prossima volta ci provo io col mio vecchio tesserino di fotogiornalista di Stampa Alternativa..! Discretamente gnocca. Notevolmente simpatica. Sorprendentemente brava!

Rispondi