Stregalo!.. E fatti sposare!

“Stregalo… E fatti sposare!” Titolo bizzarro e pretenzioso, non vi pare? Forse… Ma leggete almeno le prime dieci righe e credo cambierete idea. Non voglio scrivere un manuale che vi insegni come prendere al lazzo un uomo e trascinarlo all’altare. Non voglio neanche, ed anzi inorridisco all’idea, che qualcuna tra voi legga questo post perché, senza un anello al dito, si sente incompleta ed infelice e spera di trovare qui la formula magica che la condurrà all’anima gemella.
Vorrei che vi concentraste sul titolo “Stregalo… E fatti sposare!”
Ecco cosa spetta a voi: imparare ad essere una vera strega. Stregarlo. Incantarlo.
Ecco cosa spetta a lui: sposarvi!
Voi glielo concederete, se lo avrà meritato. Lascerete che sia lui a deciderlo (o che almeno creda di averlo fatto).
Perché vi assicuro che, se sarete la strega meravigliosa che già vedo in voi, lo farà. Anzi. Non vedrà l’ora di farlo!
Utilizzo la parola “strega”, senza alcuna accezione negativa che, di per sé, in effetti non ha. Le streghe erano donne affascinanti, colte, potenti e rispettate. Presto ne parleremo in maniera più approfondita. Intanto tenete a mente che quando parlo di strega lo faccio in maniera giocosa e penso ad una donna forte, sicura di sé, carismatica, ironica e dolcissima, ma solo con chi lo merita. Una donna prima di tutto innamorata di se stessa e, per questo, in grado di fare innamorare chiunque desti il suo interesse. E di amarlo, in seguito, nel più passionale dei modi.

Credo che ogni donna desideri, in fondo, il matrimonio. L’amore per la vita. L’incontro con l’anima gemella. Ma sinceramente mi interessa di più, in questo caso, sapere che cosa ne pensano gli uomini. Ecco perché ne ho intervistati diversi, di età compresa tra i 24 e i 45 anni. Ok. Sono bionda, ma mica stupida, ragazze! Volevo arrivare da voi con un bel bagaglio pieno di trucchi, incantesimi e magie da metter subito in pratica! La mia esperienza non poteva bastare. Dovevo studiare il territorio. E di cose ne ho scoperte parecchie. La prima ha un che di inquietante, ma è forse la più ovvia. Gli uomini, all’apparenza così distratti, ci osservano. Attentamente. Ci osservano commuoverci guardando una commedia romantica proprio nel momento in cui lui le si inginocchia davanti e le chiede di essere sua per sempre. Ci osservano correre intorno all’amica promessa sposa e rimirare con lei la pietra al suo anulare emettendo gridolini che dovrebbero farci imbarazzare e invece no, ne andiamo anche fiere. Ci osservano scapicollarci per prendere il bouquet, al matrimonio di nostra sorella, tutte sorridenti nel nostro vestitino da damigella che ci fa sembrare una trota salmonata. Ne traggono un’unica conclusione: le donne puntano al matrimonio! All’anello. Al ricevimento. All’abito bianco. Per loro il matrimonio è la cosa più importante. Poco importa a chi andranno in spose. L’importante è essere sposate. Sistemate.

Come potremmo dar loro torto? Noi ragazze siamo costantemente bombardate da messaggi di questo tipo: “Sorridi!” “Sii dolce!” “Trova il modo di compiacerlo!” “Sii desiderabile, bella, perfetta e così lui ti sposerà!” E’ questo che ogni giorno ci propinano film, libri e, fin dalla tenera età, favole. E come finiscono tutte le favole che si rispettino? Con un bel matrimonio. E’ in quel momento che la protagonista può cantare vittoria!
Che ne siamo consapevoli o no è esattamente quello che la maggior parte delle donne, ingannate da questa favoletta, fa ancora oggi. Si sforzano di essere perfette, desiderabili, in forma, sensuali in attesa di un uomo che arriverà, le giudicherà e, forse, le sceglierà . E se questo non succede, giù lacrime! Tutte a domandarsi “Non ero abbastanza per lui?”
Ma le protagoniste delle favole sono le principesse, ricordate? La strega pensa “Lui non era abbastanza per me!” gira, sui tacchi, e scompare.
La strega sa che non ti senti splendida senza un uomo, non sarà un uomo a farti sentire splendida! E quindi comincia da lì. Si impegna ad elevare se stessa, a diventare meravigliosa, per se stessa. Coltivano i suoi interessi, le sue passioni. Si fa belle, prendendosi cura del loro aspetto, seguendo esclusivamente il suo gusto personale. Se ne frega di cosa pensano gli altri! Non si infligge la tortura di un Push Up, per essere più appetibile, se le fa sentire scomode e a disagio! (Che poi, date retta a me. Il Push Up anche no) É troppo occupata a divertirsi e godersi la vita, non ha tempo da perdere inseguendo l’idea del matrimonio dei sogni a discapito dei suoi, di sogni.. Piuttosto si chiede “Chissà se arriverà qualcuno che mi convincerà a sposarlo!” Già, ragazze. Attendete qualcuno che vi convinca! Per prima cosa dovreste convincervi voi di essere una vera ricchezza per l’uomo che vi strapperà un sì e vedrete che, un momento dopo, gli uomini cominceranno ad adorarvi come dee!
In un panorama di donne che si domandano afflitte perché non siano ancora sposate, cos’ abbiano di sbagliato e in che direzione stiano andando i loro rapporti, una strega si distingue apparendo del tutto disinteressata alla cosa, centrata su sé stessa, felice di amare il suo compagno, riamata, senza chiedersi a quale scopo! Ed ecco che la strega si trasforma immediatamente in un’eccitante sfida, per qualunque uomo!
E’ questo che gli uomini vogliono. La conquista! Non una donna ossessionata dall’idea di andare in sposa a chiunque perché deve, ma una donna che cada tra le loro braccia perché vuole, perché l’ha scelto! Vogliono sentirsi i migliori. I numeri uno. I vincitori!
Non vogliono una che dica “Hey, guardami! Sono la donna dei tuoi sogni! Cosa aspetti a sposarmi? Mi sono fatta i boccoli, faccio 100 crunch ogni mattina perché mi rimanga sempre il vitino da vespa! Hai fame? Cucino meglio di Vissani! Ah! So fare anche la spaccata! Guarda! Mi riesce benissimo!”
Vogliono una che dica “Sì. Sei una persona interessante. Penso che potremmo passare del tempo insieme. Credo che ci divertiremo!” (Tradotto. “Non sono in ansia. Non penso a domani. Voglio vedere che sai fare!”)
E’ a quel punto che lui comincerà a darsi da fare per conquistare un po’ di più del vostro tempo, più spazio nei vostri pensieri. E’ lì che bramerà la vostra attenzione perché nel frattempo avrà imparato rispettarvi come persona e saprà che, la vostra attenzione, la concedete a cose davvero interessanti, speciali! E sarà allora che anche lui si sentirà speciale! Chi non vorrebbe sentirsi speciale per qualcuno?
Vi svelo un segreto: gli uomini desiderano il matrimonio e l’ amore esattamente quanto noi! E impazziscono letteralmente se date l’idea di non morire dalla voglia di convolare a nozze. Si chiederanno il perché e penseranno che sarebbe veramente meraviglioso essere sposati con voi!Perché vorrebbe dire essere stati scelti, da una donna con la testa pensante che per sé stessa pretende un amore unico e non uno amore qualunque. Che preferisce avere accanto un uomo fantastico piuttosto che avere al dito un anello fantastico.

Perché in fondo, parliamoci chiaro, il matrimonio non è proprio una passeggiata. A pensarci bene un filo d’ansia dovrebbe venirvi! E’ scegliere una persona per tutta la vita. O almeno, dovrebbe essere questo. Vien da sé che questa persona debba essere davvero speciale.
Ed ecco qui che desideri maschili e femminili cominceranno a combaciare.
Loro desiderano solo sentirsi l’uomo speciale che ci ha rubato il cuore. E noi, nel frattempo, avremo imparato tutti i trucchi da strega per desiderare per noi solo un uomo davvero speciale. E a quel punto avranno fretta di portarvi all’altare per piantare la bandierina di “territorio di proprietà” prima che qualcun altro si renda conto di quanto siete eccezionali! Sembra proprio un incantesimo da streghe principianti, non credete? E allora cominciamo a fare pratica!

Se questo post vi é piaciuto andate avanti, c’é un esercizio per voi. Se non vi é piaciuto, beh, siete libere di abbandonare il Blog. Sappiate però, che prima di proporvelo l’ho letto ad una ventina di amici maschi. Tutti, e dico tutti, alla fine mi hanno stretto la mano dicendomi “Grande Iaia!
É esattamente questo che vogliamo!” Detto ciò… A voi la scelta!

Ecco un piccolo esercizio di magia che vi farà tanto bene! Vi chiedendo di individuare una vostra caratteristica fisica e una caratteriale per la quale sentite di meritare un amore meraviglioso, il vostro! (L’ideale sarebbe farlo con i difetti. Sono loro che vi rendono uniche!) E’ da lì che si comincia!
Quando le avete trovate, scrivetele nei commenti, se vi va.
Nel prossimo post impareremo a innamorarci. Di qualcuno di davvero fantastico. Noi stesse.

21 Comments

  • Giulia Pesce ha detto:

    Eccomi.. allora.. vediamo un po’.. una mia caratteristica fisica e una caratteriale?? mmm.. beh andiamo con i difetti va.. ora il casino è scegliere un difetto solo 😀 😀 😀
    Beh.. i miei fianchetti tondi e in mio vitino inesistente.. e caratterialmente.. il mio continuo bisogno di attenzioni e di sicurezze da parte che mi circonda..
    Ecco ora però amica spiegami come queste caratteristiche potrebbero rendermi meravigliosa.. no davvero spiegamelo.. ok, il fidanzato ce l’ho.. ma spiegami come innamorarmi di me stessa perchè io proprio non ce la faccio..

  • Paola Talladira ha detto:

    Difetto: ho il labbro leporino e ditemi che non sono più unica che rara!
    Caratterialmente sono lunatica più della stessa dea Luna quindi starmi accanto è un’impresa.
    Il fidanzato mi manca, come lo trovo?

  • Rosaria Della Ventura ha detto:

    Questo è un gran bel capitolo per me…a dire il vero non ho mai sognato l’abito bianco…neanche da piccolina quando si fantastica su tutto e pensi che a 20 anni ti ritroverai sposata e con figli. Sono sempre andata in controtendenza pensando che la convivenza fosse una soluzione plausibile, quella che ti porta la pace dei sensi…ma poi a un tratto vedi i tuoi amici che si sposano e cambi idea, ma non per la festa in sè ma per il valore sacro del matrimonio. Mi sono resa conto chela fede al dito è la consacrazione di un sentimento. Il problema è farmi riuscire a sposare da qualcuno!!! Sono piuttosto impegnativa di testa, non è facile starmi accanto, ho bisogno dei miei spazi e non amo gli uomini che la mettono su battute da quattro soldi…così quando incontri la persona che per te è giusta, è facile che lui scappi perchè non si sente pronto per una storia seria con una ragazza che controbatte su tutto. E’ da tanto tempo che non mi innamoro, quando dai tutto in una storia poi ci vuole tempo per elaborare il “lutto” e per riprenderti al tua vita…forse sono troppo razionale, dovrei lasciarmi andare di piu’ e non credo alle favole…però la tua Iaia è meravigliosa….e spero tanto che possa capitare anche a me!!!

  • Gisella ha detto:

    Bellissimo post!
    Io volevo intraprendere una carriera all’estero e mi ritrovo sposata in Italia! Contunuo a perseguire i miei sogni e cammino affianco al mio uomo, nessuno dei due vive nell’ombra dell’altro! È tutto vero quello che scrivi, ho conquistato mio marito con l’autoironia.
    Quando hai scritto: il push-up anche no, sono scoppiata a ridere!
    Mi piaci molto come scrittrice! (Più che un commento sembra un telegramma :P)
    Un bacio

  • Valentina D. ha detto:

    Ciao Iaia! Finalmente mi sono fermata un attimo per leggere con tranquillità il tuo blog e scriverti! Se devo dire la mia…. io nella mia vita ho fatto tutto quello che descrivi in questo post. Mi sono sempre sentita molto speciale, troppo speciale per il matrimonio… adoravo me stessa, e non ho mai desiderato “incastrare” nessun uomo, perchè non trovavo nessuno con cui valesse la pena vivere “per sempre”. Mi dedicavo a me, al mio lavoro, alla mia persona e alla mie passioni.
    Risultato? Mi sono sposata un mese fa…. mio marito l’anno scorso si è inginocchiato davanti a me, mi ha dato un anello e mi ha chiesto “mi vuoi sposare?”. non era il mio obiettivo, non ho mai cercato di acchiappare al volo il bouquet della sposa agli altri matrimoni, mentre le altre si graffiavano l’una con l’altra per accaparrarselo… E le stesse ragazze sono le stesse che anche al MIO matrimonio erano lì a saltare per prendere il mio bouquet al momento del lancio! 🙂

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Il rischio é proprio questo! Che ad affannarsi ad acchiappare il bouquet, si trascorra poi la vita a cercare di afferrarlo! 🙂 brava Valentina! Sei il perfetto esempio di strega furbetta! :-*

  • Chiaretta ha detto:

    Ciao Iaia…il tuo post mi ha fatto sorridere perchè dopo una vita di incontri sbagliati, ho deciso di buttarmi tutto alle spalle, di dedicarmi solo a me stessa, di amarmi, di viaggiare…sono partita per la Grecia, un mese a studiare neogreco, un sogno che si realizzava! Quando ho deciso di essere il centro del mio mondo…è arrivato lui! Che una volta mi ha detto: “mi sono innamorato di te perchè sai bastare a te stessa”. 🙂

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Chiaretta, mi hai fatto venire la pelle d’oca! É quello che sostengo da tempo! Una donna che ama se stessa é la piú desiderabile preda da conquistare per qualunque uomo. Tu lo dimostri perfettamente! Sono molto orgogliosa di te!

      • Chiaretta ha detto:

        So che c’è ancora molto da lavorare, ma sono fiduciosa: ho solo 26 anni, entro i 30 ce la faccio a diventare una vera strega (e una vera donna)? 🙂

  • Donataelisabetta ha detto:

    Cara Iaia, condivido il tuo post in pieno. Quando meno te lo aspetti e sei concentrata su te stessa, sulla tua vita, sulla tua carriera e sulla tua crescita personale diventi piu’ interessante per te stessa e per gli altri, e attiri maggiormente gli uomini. Vissuto sulla mia pelle! Non avevo intenzione di sposarmi, ero single concentrata sul lavoro e in giro per il mondo. In tre mesi ho conosciuto mio marito e ricevuto la proposta di matrimonio, lui in ginocchio con l’anello ha anche creato un sito web per farmi la proposta. Non avrei mai immaginato di sposarmi in 7 mesi dal giorno della proposta. La vita ha in serbo molte sorprese, tocca a noi lavorare su noi stesse e non aspettare di essere amate ma iniziare a volerci bene 🙂 Mi piace molto come scrivi e soprattutto la lunghezza dei post. Sei in gambissima! theGingerWitch

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Ciao cara Ginger Witch, anzi, per favore firmati sempre così! Il tuo nickname mi piace tantissimo e sento che c’ é anche un po’ di me! La mia storia é similissima alla tua! Il blog nasce proprio per aiutare le donne a credere sempre piú in se stesse e imparare ad amarsi ogni giorno di piú! Sono sicura che la tua esperienza possa servire a tante! Grazie dei complimenti, continua a seguirmi! Qui ci serve il tuo aiuto!!!

  • Silvia aspirante streghetta ha detto:

    Ciao Iaia! Ho letto questo post tutto d’un fiato e l’ho trovato interessantissimo e mi ha fatto molto riflettere! Sono la ragazza che poco tempo fa ti ha scritto disperata perché appena mollata dal ragazzo dopo due anni…ovviamente la ferita è ancora fresca e mi ci vorrà ancora un po’ per elaborare il “lutto”, ma mi sono resa conto che però merito il meglio e se è andata così beh è lui ad averci perso! Ora voglio seguire i tuoi consigli e cercare di concentrarmi su me stessa e fare qualcosa per me (cosa che ho sempre faticato a fare mettendo gli altri sempre prima), ma voglio veramente provarci! Leggere le tue parole è stata una medicina in questo momento, grazie Iaia! Voglio amare me stessa prima di tutto e imparerò a farlo di nuovo 🙂 un abbraccio forte!

  • Elisa ha detto:

    ciao! bell’articolo! Hai riassunto quello che penso! Sarebbe bello avere una persona accanto che possa essere considerato parte della propria vita, non in modo indispensabile ma a completamento di sé…

  • Stefy ha detto:

    ho letto ora questo articolo che mi ero persa (eh si è un periodo no e sapevo che sul tuo blog, leggendo o rileggendo, avrei trovato qualcosa che avrebbe lenito i fastidi) 🙂 ti ho scritto una mail di getto, ma anche in questo post c’è una valida risposta per andare avanti

  • Angie ha detto:

    Ok, ci provo! un mio difetto fisico è il sedere inesistente e la ciambella che mi ritrovo da sotto al seno all’ombelico… caratterialmente: mi faccio influenzare molto da chi mi sta vicino e non so essere indipendente emotivamente

Rispondi