Sarah e Corinna: due fate per un abito da sposa. Il mio.

C’è stato qualcosa, al mio matrimonio, che ha lasciato tutti davvero a bocca aperta. Il mio abito da sposa.
C’è stato chi ne ha scritto, chi l’ ha fotografato e pubblicato, chi l’ha ripreso da tutte le possibili angolazioni. Chi ne ha parlato, sparlato e straparlato e chi avrebbe fatto bene a tacere. Perché se parli di moda e di raffinatezza, davanti ad una telecamera con in faccia il trucco di Moira Orfei, degli orridi stivali ai piedi e ubriaca di Sambuca Molinari finisce che fai ridere un sacco di gente.
E rido anch’io. Ma di pena profonda.

Perché, certo, puoi criticare il mio abito di pizzo chantilly. Ma se, pochi giorni prima al tuo matrimonio te ne giravi avvolta in una cerata della Declathon che avevi anche il coraggio di chiamare vestito da sposa, tesoro mio, abbiamo un problema. E il problema è che l’invidia a noi donne ci massacra. Non c’è nulla da fare.

image

 

 

Ma tant’è. Ci sono grandi abiti che scelgono da chi farsi indossare. Il mio ha scelto me. Sarà perche era un abito avvolgente, sexy e sofisticato? Sarà perché aveva un velo lungo lungo lungo che si posa solo su una testa principesca, proprio per sua innata vocazione? Sarà forse, perché era proprio il mio abito? Non lo so. Chiedetelo a lui. Anzi…

Chiediamolo a chi lo ha realizzato.
Tante di voi mi hanno scritto che, al mio matrimonio, sembravo Cenerentola. E pare, dico pare, che qualcuno al matrimonio di Cenerentola abbia visto anche le 3 sorellastre (ah erano due, nella favole, dite? Beh. Nella mia, vi assicuro, erano tre. E una più acida dell’altra. Vi assicuro. )
Un giorno Cenerentola incontrò, nel bosco fatato, due meravigliose fate che realizzarono per lei un abito magico in ogni dettaglio.

Chi veste la sposa

Le mie fate si chiamano Sarah e Corinna, dell’ “Officina delle Fate” meraviglioso Atelier di abiti da sposa, a Milano in Via Molino delle Armi.
Le avete conosciute e amate nella trasmissione “Chi veste la sposa” su Lei Tv e mi avete scritto in tantissime per chiedermi dettagli su queste due splendide ragazze. E allora… Eccovi accontentate! Ve le presento, a modo nostro…

1) Sarah, presenta Corinna con tre aggettivi. Corinna, presenta Sarah con tre aggettivi.

S– Cori è generosa, impulsiva, creativa
C– Sarah è socievole, solare, dinamica

2) Com’è nata “L’Officina delle fate” e qual’e il primo ricordo che ti viene in mente se ripensi agli esordi.

S– Io mi sono unita alle Fate un po’ più tardi, ma ricordo perfettamente i primi anni, quando eravamo in un seminterrato intorno a via Manzoni. Una location non certo meravigliosa, ma noi eravamo motivate e avevamo sempre tante idee..
C– Sono entrata a far parte dell’Officina delle Fate nel Dicembre 2004. L’Officina esisteva già da 5 anni, grazie ad un’idea della nostra mamma, che iniziò con abiti da sera, da cocktail e da sposa vintage, per poi indirizzarsi unicamente verso gli abiti da sposa. Prima l’Outlet, poi, successivamente avremmo trattato anche le Collezioni e il sartoriale. Ricordo di aver fatto il muratore per un restyling tutto “pink” della nostra piccola location!

3) Due donne nel mercato imprenditoriale attuale, non deve essere stato sempre facile, quale difficoltà ricordi e come l’avete superata?

S– Le difficoltà in questi anni non sono state poche, e sicuramente non superate del tutto. Ma noi di famiglia siamo delle guerriere e siamo pronte a combattere. Anche in mezzo al tulle!
C– Fortunatamente per me, in genere delle grane se ne occupa Sarah. Io preferisco rimanere in mezzo ai pizzi…. rebrodè o chantilly? chantilly o rebrodè?

4) Quali sono i vostri reciproci ruoli all’interno della vostra attività? Cosa fa Sarah e cosa fa Corinna e la scelta è avvenuta naturalmente?

S– Tutte noi dobbiamo essere intercambiabili. La nostra è una piccola azienda,. Sicuramente io sono quella che si occupa di più delle odiate “scartoffie”, del resto è meglio che Cori non metta le mani in certe cose.. potrebbe essere un disastro! Poi mi occupo di tutto ciò che riguarda la parte pubblicitaria, il sito e i social.
C– Beh, io sono la creativa e principalmente mi occupo della scelta delle nuove Collezioni, della ricerca dei tessuti ecc. e delle strategie di vendita. E non chiedetemi di stare sulle carte, per quello chiamate Sarah!

Chi veste la sposa

5) Nella vostra trasmissione “Chi veste la sposa” vi vediamo come rivali agguerrite. Io che vi conosco posso dire che nella vita non è affatto così, ma ci sono dei momenti in cui, come nella vita di ogni coppia di sorelle, vi “strangolereste” a vicenda? Quando?

S– Certo che si! Ma anche questo fa parte dell’essere sorelle. A volte lavorare insieme alla propria famiglia non è facile. Bisogna trovare un grande equilibrio e cercare di lasciare l’argomento lavoro fuori dalle mura dell’Atelier.
C– Io sono molto impulsiva e spesso, se non ci fosse mia sorella, sarebbe un bel problema!

6) Avere a che fare con le donne che acquistano abiti non è facile di per se, tanto più non deve esserlo avere a che fare con una donna che deve scegliere l’abito per il giorno più importante della sua vita. Quali sono i timori più comuni di ogni sposa?

S– Piacerá al mio futuro marito? Come mi vedranno gli invitati? E specialmente, MI SEGNA??
C– Il giorno delle nozze è un giorno importante nella vita di una donna, per questo, la scelta dell’abito è il momento in cui tutte le insicurezze saltano fuori. Take it easy, un bel respiro e godetevi il momento!

Abito Sposa Iaia De Rose

7) Ed ora veniamo a voi… Sapete che per me, nei vostri confronti, è stato amore a prima vista. E voi, invece, cosa avete pensato di me quando ci siamo conosciute.

S– Devo dire la verità. In un primo momento ho pensato: ecco, la vip che ci farà impazzire! Ma dopo 5 minuti ho capito che insieme avremmo fatto faville! Ma in assoluto, la cosa che mi ha colpito di più di Iaia, è la sua grande determinazione.
C– Con quegli occhioni e quel sorriso perenne, ci ha subito conquistate.

8) Domanda a bruciapelo. Il primo pensiero quando avete visto il bozzetto dell’abito dei miei sogni.

S– WOW, quasi quasi sostituisco Cori con Iaia !
C– WOW, Iaia ci da del filo da torcere!

9) Posso dirvi che mai avrei pensato di poter indossare, nel giorno delle mie nozze, un abito tanto meraviglioso. E voi siete soddisfatte del risultato? Come si potrebbe definire l’abito che ho indossato? Molte ragazze mi chiedono “che modello è”…

S– Insieme abbiamo vissuto tutti i passaggi di una vera creazione di Couture. Pezzo per pezzo, dal bozzetto, al cartamodello, poi la teletta. E via via, insieme alle modelliste , abbiamo plasmato l’abito dei sogni e vederlo finito e indossato da Iaia è stata una grande emozione. Forse, meglio di come l’avevamo immaginato. Sarà anche merito delle modella!
C– Questo modello è una semi sirena morbida, creata interamente con tessuti naturali, pizzo chantilly francese di cotone, tulle di seta cipriato e biocotone come base. Quindi, se venite a trovarci, dovete chiedere il modello IAIA.

10) Appurato che il mio abito è fuori dal tempo e per me sarà sempre l’abito da sposa più bello del mondo, quali sono le tendenze sposa 2015 e cosa troveremo nel vostro atelier nei prossimi mesi?

S+C – Nel nostro Atelier potete trovare il reparto Outlet, con abiti di grandi marchi, capi unici, a prezzi super convenienti, le Collezioni 2015 di molte linee interessanti e particolari (potete consultarle sul nostro sito www.lofficinadellefate.it) ed infine il sartoriale, realizzato a mano dalle modelliste.
Quest’anno ragazze, tanto pizzo e tante scollature sulla schiena. E come colore il Cipria! Iaia, siamo state perfettamente in linea con le tendenze!

11) Ah, sì? Cioè volete dire che il mio era un abito di Houte Couture di tale pregio da, addirittura, anticipare le tendenze? E che, quest’anno, molte spose ricalcheranno proprio quel modello? Che strano… Perché sapete… Il mio abito durante la trasmissione “Quattro matrimoni” in onda su Fox Life, è stato votato dalle tre elegantissime sorellastre-spose con un 2, è stato definito una “camicia da notte”, mentre il velo è stato soprannominato “zanzariera”… Qualcosa non quadra, per caso?

S+C Mmm… Una camicia da notte con tre metri di coda, un po’ scomoda no? E una zanzariera bordata di pizzo chantilly, mai visto nulla di simile, ma davvero molto chic. Che dire… Brutta cosa l’invidia!

Invidia??? Di nuovo questa parola? Ragazze… E che malpensanti! Qualcuno ha notato dell’invidia? Non capisco proprio a cosa vi stiate riferendo!

Abito Sposa Iaia De Rose

Invece volevo aggiungere che il mio bruttissimo abito ad un certo punto si è anche rotto. Sì sì! Pensate, mentre ballavo scatenata durante il Flash Mob (sì, al mio matrimonio c’è stato un flash mob) è saltato il bottoncino sulla schiena!
Chiaramente Anastasia, Genoveffa e Gertrude dall’alto della loro profonda conoscenza nel campo dell’ Houte Couture hanno immediatamente messo in dubbio la qualità del capo.
Ecco… Vedete…
Il fatto è che le spose- sorellastre il giorno del loro matrimonio soffocano dentro un corsetti di plastica. Tutte prese dalle loro strategie per boicottare il lieto fine di Cenerentola. Non salta nessun bottone. Ma gnocche non le diventano. Perché la gnocchitudine è innata e la rosicaggine imbruttisce abbestia. Che amarezza, eh?
E poi ci sono spose-Cenerentola che invece, quel giorno come tutti gli altri della loro vita, non vogliono essere le più gnocche, vogliono solo divertirsi, ed abbracciarle, le altre donne,sorellastre comprese! Perché, semplicemente, sono felici!
E allora ballano, saltano, si tolgono le scarpe, fanno saltare bottoni e cadere acconciature, e malgrado tutto ciò restano sempre immensamente gnocche. Son cose ingiuste e insopportabili, me ne rendo conto. Però, che volete che vi dica, Cenerentola, sa da sempre che non bastano strategie e complotti, e non ha tempo da perdere con biechi mezzucci, perché sa che nella favola ci sarà sempre posto per una sola protagonista: Cenerentola, appunto.

Quindi… Raffinatissime esperte di moda (segue foto che documenta l’estrema eleganza dei soggetti in questione) una sola cosa:
“Ve prego, amiche mie, la prossima volta prima di parlare del mio abito almeno toglietevi quegli stivali. O tacete per il resto dei vostri giorni. Che a vedervi vestite così al mio matrimonio Coco Chanel se sta ancora a rivoltà nella tomba a distanza di mesi!”

Quattro matrimoni Italia

Sì. Lo so. La diplomazia è sempre stata il mio forte.
Sono proprio una pessima persona.

Al prossimo incantesimo….

20 Comments

  • Serena Seui Borsella ha detto:

    ahahahaha grande Iaia!!! io il tuo abito l’ho trovato stupendo e anche se salta un bottone perché stai ballando CHISSENEFREGAAAAAA!!! eri stupenda nel tuo abito e cosa importantissima non era l’abito che indossava te..non ti sovrastava,ma ti esaltava, era fine ed elegante e lo scollo dietro era proprio bellissimo! Complimenti per la scelta e per la fantasia! e lasciamo le invidie alle invidiose che tanto ci saranno sempre 😉 un bacio tesoro

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Grazie Serena! Il post è giocoso, ovviamente! Io mi diverto molto su queste pagine, proprio perché posso essere pungente. Nella vita sono molto più “nobile” e lascio correre come, se hai visto la puntata, ho fatto anche in tv. Qui mi posso lasciare andare… Del resto sono una strega! 😉
      Grazie per i complimenti. Ora io però sono curiosissima di vedere il tuo, di abito…

      • Serena Seui Borsella ha detto:

        sì infatti vedendo la puntata era senza dubbio la sposina più oggettiva e più educata!!! ihhihihih il mio abito ha ancora qualche modifica da fare e a febbraio ho l’incontro con la sarta! ti mando la foto in privato così non ti intaso la bacheca!! tanto love ^_^

      • Sonia ha detto:

        Ciao Iaia, cmq era un gioco….dove sei perde e si vince….è il gioco era proprio quello di criticare e dare punteggi bassi x poter riuscire a vincere il viaggio….effettivamente chi ha vinto la sfida ha lasciato un po’ tutte spiazzate, credo…..ma un gioco è un gioco…
        vestito cmq Molto bello …Ciao!!!!

        • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

          Sì, Sonia. E infatti un gioco dovrebbe avere delle regole che qui, invece, non ci sono state. Ma questa è un’altra storia e ne parlerò molto presto.
          Per quanto riguarda le critiche… Quelle ci stanno e vanno prese con ironia! E infatti questo post è scritto con grande ironia! Non vorrai mica dirmi che qualcuno si offenderá! 😉

          • Sonia ha detto:

            spero di no…e spero che neanche tu ci sia rimasta male…perché cmq era evidente che tu fossi la più bella…..per la parte intrattenimento ristorante forse era un po’ troppo..x me ..ma chi sono io per giudicare??…A ognuno il proprio matrimonio 🙂

          • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

            Aspetta a vedere il filmato che pubblicherò. Quella che avete visto in tv era solo l’ultima parte (e a dire il vero non so da dove siano uscite molte cose!) di una festa molto più articolata… Che dire? Ci saranno stati dei motivi, no? 🙂

  • Paola MeMole ha detto:

    Carissima Iaia, non ho mai scritto ma questa volta vorrei proprio dire
    la mia. Sono una futura sposina che salirà all’altare l’anno prossimo,
    il giorno in cui ho scelto il mio vestito sono stata presa da assalti
    bestiali dei miei nemici peggiori ovvero gli “elfi delle paranoie”,
    quelli che arrivano distruggono in 30 nanosecondi la tua scelta e ti
    fanno rigirare dall’ansia di notte di giorno! insomma un vero disastro,
    tantè che dopo 1 mese ho fatto un’altra prova, e sai che ti dico? che mi
    vedo bellissima, forse per la prima volta in tutta la mia vita, ed è
    orribile che in un giorno così speciale qualcuno possa perettersi di
    dire che il tuo vestito è brutto! è una cosa che ferisce profondamente
    persone che (come me ad esempio) sono da sempre insicure. queste persone
    non si rendono conto di quanto sia stupido comportarsi cosi. il tuo
    abito era splendido e su di te fantastico, eri un sogno e spero di
    esserlo anche io quel giorno anche se già so che come sempre sapro
    trovarmi difetti…maledetta testa!!! un abbraccio grande con affetto,
    Paola.

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Paola, sei davvero dolcissima. Prendo questo commento come spunto per rassicurare te e tante altre sposine che mi hanno scritto in privato. Nella vita, come quel giorno, ci sarà sempre qualcuno che ti criticherà. Le critiche vanno prese per quello che sono. Sono solo parole! Conta solo quello che TU pensi di te stessa, quello che tu hai nel tuo cuore.
      Io credo che si debba sempre comportarsi correttamente e cercare di essere felici nella propria vita e nei propri panni. Personalmente non ho proprio il tempo di mettermi a criticare le vite degli altri, sono troppo presa con la mia di vita.
      Ma a te, cara Paola, che presto sarai sposa voglio dire una cosa.
      Testa alta, cara amica, e spalle dritte! Vai fiera verso l’altare, cammina verso il tuo amore e, stanne certa, sarai bellissima!

      • Paola MeMole ha detto:

        Sei adorabile, grazie per queste belle parole, mi emoziono solo al pensiero di quel giorno. Un abbraccio grandissimo e grazie davvero!cercherò di non farmi “distrarre” da nessun pensiero negativo e di tirare dritta verso l’amore della mia vita senza curarmi della gente intorno che avrà, come ben dici, sempre qualcosa da ridire 😉 sei davvero una bella persona ^____^

  • Liz ha detto:

    Ciao Iaia!!!! Troppo bello questo post! Sei fantastica e vorrei essere come te!! Io, purtroppo, ogni volta che ricevo una critica ci rimango malissimo.. tu invece reagisci nel modo migliore!!! Per quel che riguarda il tuo abito, come ti avevo già scritto, è semplicemente meraviglioso e addosso ti stava divinamente: secondo me è riuscito a valorizzarti nel migliore dei modi, eri semplicemente stupenda!!! Pensa che sto iniziando anche io a cercare il mio abito (mi sposerò a settembre) e da quando ho visto le foto del tuo ho un solo pensiero fisso, quello di riuscire a trovare un abito che mi faccia sentire a mio agio, bella e radiosa proprio come eri tu!!! Un bacione!!!!

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Grazie Liz! Beh noi vogliamo sapere tutto dei modelli che ti piacciono di più!!! Siamo streghe curiose!!!

      • Liz ha detto:

        E io condivido con te e con tutte le altre streghe molto volentieri!!! Io adoro le balze… quindi sogno un abito con una bella gonna tutta a balze!!! Poi non so, magari vedendolo addosso cambierò idea, ma per ora sono convinta!!! Ps: mi sposerò a settembre e sto iniziando ora a guardare un po’ in giro tra i vari atelier. Dici che sono tremendamente in ritardo o c’è la posso fare? Grazie Iaia, un bacio

  • Manuela Z ha detto:

    Ciao Iaia,
    Ho visto la puntata del programma senza sapere chi avesse creato il vestito e mi é sembrato subito bellissimo. Nella vita normale non amo il pizzo, ma per i mio abito da sposa ho voluto utilizzarlo perché é decisamente affascinante. Il tuo abito era perfetto, per l’occasione e soprattutto su di te. Se poi si é rotto ballando, pazienza! Anche il mio si é un po’ strappato in una spalla durante i balli, ma certamente se ti godi il momento non pensi al vestito e a stare composta: ti godi il momento e pace!
    Per il programma…anche a me avevano chiesto di partecipare tramite la mia fiorista, ma vedendo queste prime puntate mi rendo conto che non é una sana competizione. Alcune cose sono veramente strane e mi stupisco che la gente sia cosí di cattivo gusto, altre invece sono perfette ma c’é sempre qualcuno che trova un motivo per criticare in maniera cattiva. Ma perché tutta questa aciditá? Non é una dinamica che mi piace.

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Perché noi donne non sappiamo fare squadra e non sappiamo godere in maniera sincera dei successi delle altre. Uso il “NOI” ma me ne tiro fuori. E ho aperto questo Blog proprio perché sono convinta che tra donne si possa e si debba essere solidali! 🙂

  • silvia ha detto:

    Ciao Iaia! Ma sai che anche a me avevano chiesto di partecipare tramite atelier dove ho confezionato l’abito(tanto tanto pizzo anche per me ma forma a palloncino visto che non ho i tuoi fianchi stretti purtroppo) e ho rifiutato proprio perché mi pare un programma carino ma se hai sfortuna di capitare con gente invidiosa finisce tutto il divertimento. Parecchie danno voti assurdi solo per sperare di vincere e affondare le altre. Stessa opinione del marito che lo guarda insieme a me pensa te.
    E per entrambi vincevi te a mani basse, vip o non vip.
    poi hai ragione….prima di aprir bocca bisognerebbe aver ben presente chi si ė e farsi un paio di domandine..

  • vale75 ha detto:

    Ti faccio i complimenti Iaia: il tuo abito da sposa era uno dei più belli che io abbia mai visto e, negli ultimi tempi, specialmente in tv, se ne vedono a migliaia. Bellissimo, fine e di classe. Ovviamente con il tuo fisico dubito che qualcosa ti possa stare male però eri veramente spettacolare. Ho visto anche le tre babbuine che erano al tuo matrimonio in veste di “rivali”: sinceramente si commentano da sole. Quello che hanno detto è stato tutto fuori luogo, cattivo senza ragione, evidente frutto di invidia ma anche di basso livello. Non si infanga il prossimo mettendo in cattiva luce le sue scelte solo per agevolare te stessa, senza un minimo di lucidità e di obiettività’. Comunque non ti curar di lor ma guarda e passa: dalle immagini il tuo matrimonio era veramente bello, curato e con delle idee davvero carine e originali. E comunque era il tuo giorno e il tuo momento!

Rispondi