Mi fai volare

Credo che sia la mia vita che, ultimamente, mi chiede di volare.

Di vederla un po’ dall’alto, ecco… Senza perdermi nel lamento. Senza affannarmi ad ogni gradino. Perchè ci sono. C’erano. Ci saranno.

Esiste forse vita in cui non sia necessario salire su per ripide eventualità?

Che sia il caso? La norma? Il karma?

Che poi ci sono delle volte che si cade, e passi. E ce ne sono altre che si comincia a rotolare. Rotolare per davvero. A terra e poi ancora. E ancora. E ancora.

 

Un po’ come quando dicono che “Una sfiga chiama l’altra!” avete presente?

Ecco. Ma io nella sfiga non ci credo.

Io ho imparato che tutto ha un suo perchè.

Io ormai so che dietro alle grandi tensioni si nasconde sempre la svolta.

Sapete a cosa mi fa pensare la parola “tensione”? Ad un elastico. L’elastico di una fionda. Viene tirato, tirato e ancora tirato. E lui è lì che resiste con tutte le sue forze. Non sa che appena smetterà di faticare così, cedendo solo di un piccolo scatto, tutto quello sforzo avrà finalmente senso e sarà l’origine di un volo.

Sì. Mi fai volare, cara tensione. Mi farai volare. Io lo so.

Così mi sforzo di guardarla un pochino dall’alto. Di tenere presente il disegno finale. Lo vedo comporsi a poco a poco, colorato di ciò che vorrei e di ciò che non voglio più.

E ogni giorno ne cancello un pezzetto, ne ridisegno un altro. Ci piango, ci mormoro, mi ci danno.

E poi di nuovo lo guardo dall’alto.

Con la serenità di chi non ha più voglia di ribattere alle idiozie.

Di chi non se la sente più di perdere energie in inutili battaglie. Di veder nascere nuove rughe per le ore a pensare.

Sapete che c’è? Io guardo da lassù.

Perchè alla fine questo disegno di vita sarà comunque come lo voglio io, dovessi anche rifarlo altre mille volte, da oggi in poi.

Io volo.

Chi viene con me?

 

2 Comments

  • Mariella ha detto:

    Ciao cara Iaia. Credo che questo post caschi proprio al momento giusto. Purtroppo, in questi giorni, ho ricevuto delle notizie negative in merito a un progetto a cui avevo dato anima e corpo e che mi sarebbe servito a spiccare il volo, ma così non è stato. Di fronte a questa “sconfitta” mi sono dispiaciuta e lo sto facendo tutt’ora. Ma se c’é una cosa che ho imparato parzialmente da te é che ogni imprevisto porta con sé un’ opportunità, che ci porterà ugualmente lontani, forse proprio là dove volevamo arrivare! Io sono pronta, con il mio zaino sulle spalle, per vedere quale sia la strada migliore da intraprendere. Alla fine ci arriverò alla mia meta: l’importante è mettersi in viaggio! Auguro questo a me, a te, e a tutte le donne che si trovano in questa situazione. Un abbraccio!

  • Liz ha detto:

    Ciao Iaia! Ci vengo io con te!! Vengo subito! Questo ultimo mese è veramente stressante per me.. sto vivendo perennemente in ansia, sotto pressione per le mille richieste che mi vengono fatte e per il troppo poco tempo a disposizione.. quindi credo che un bel viaggetto al di sopra di tutte le cause della mia tensione non mi farebbe male!!! Un bacione enorme e grazie perché, da vera strega arrivi sempre con il post giusto al momento giusto!!!!

Rispondi