Le cose che piacciono a me.

Quando sono giù di morale faccio una lista delle cose che mi piacciono. La prima l’ ho fatta nel 2007, quando stavo partecipando al reality di Canale 5, “La Fattoria”. Là dentro, senza nulla di personale (già. Nulla. Neanche lo spazzolino da denti) mi ero improvvisamente resa conto di quante cose date da me per scontate fossero invece assolutamente essenziali alla mia felicità. E così feci una lista, delle cose che avrei assolutamente fatto, una volta uscita da quel gioco di forzata prigionia, godendomele il più possibile. Visto che mi erano mancate così tanto.

La prima voce della lista era “Bere il the con mia mamma”, me lo ricordo ancora. Mia mamma fa un the caldo buonissimo. Con il limone e lo zucchero. Mia nonna lo faceva ancora più buono. Un the che io non sarò mai in grado di replicare. Scaldo l’acqua. Ci metto la bustina, aggiungo zucchero e limone. Ma niente. Non ha lo stesso sapore. Bere quel the mi calma, mi rilassa. In quel the c’è la felicità.

Ma la mia lista è lunga e si aggiorna ogni giorno. Voglio condividerla con voi. Perché magari oggi per qualcuna di voi sarà una giornata dura e, stasera, fare una lista delle cose che amate potrà servirvi a ritrovare il sorriso. Per me funziona sempre. Anche oggi.

LE COSE CHE PIACCIONO A ME:

– il profumo del mare

– lo zenzero

– gli occhi dei cani e le zampe dei gatti

– i tacchi alti

– il sole al tramonto

– la crostata di mia madre.

– abbracciare le mie amiche.

– guidare da sola verso mete sconosciute.

– andare a trovare i miei genitori (e infatti le foto vi raccontano il mio weekend in Liguria dai miei)

– la carbonara

– le montagne russe

– le mani di mio padre

– le sorprese

– le case belle

– la pelle abbronzata e liscia

– lavorare sodo

– le violette appena sbocciate

– la schiuma del cappuccino che mi rimane sul labbro

– i sorrisi e le risate delle persone felici.

…….

Non voglio concluderla, questa lista, perché ho pensato che farebbe bene a me (e forse anche a voi) continuare insieme, su queste pagine, ad aggiornarla ogni volta che ci andrà. Proprio perché mi piacciono i sorrisis. Proprio perché non vorrei mai essere triste e sapervi tristi, questo è un bell’esercizio che potremmo fare insieme. Che ne pensate? Penso che, non si sa proprio perché, le cose brutte e spiacevoli, nella nostra giornata urlino molto più forte delle tante cose belle che invece sono più silenziose, ma ci sono sempre.

Se imparassimo a concentrarci su quelle, ad ascoltare la loro voce, invece di lamentarci continuamente di tutto quello che non va, forse la vita acquisterebbe tutto un altro sapore.

Ecco, appunto. Vado a farmi un the. Con lo zucchero e il limone. Non sarà proprio come quello di mia mamma, ma è l’intenzione che conta, giusto? Ho bisogno di trasformare questa giornata in un giorno bellissimo.

E tu? Tu che mi stai leggendo… Quali sono le cose che piacciono a te? Me le racconti qui sotto?

Al prossimo incantesimo…

 

32 Comments

  • Nicoletta Tarunti ha detto:

    cara iaia , alcune cose le abbiamo in comune e devo dire che l’idea di fare la lista delle cose che mi piacciono è ottima in quelle giornate in cui tutto va storto e l’umore è sotto terra ! ecco la mia lista : – i miei gatti – le coccole della mamma -il mare -shopping -make up – lavorare e produrre tanto! -bere il the con iaia -stare con le amiche -viaggiare -cucinare -mangiare sushi . ecco questa per ora è la mia lista,si certo il the con te piu che altro è un desiderio,perchè devo dire la verità,io seguivo la fattoria,ma non ti avevo conosciuta bene li,invece grazie a qvc e al tuo blog,ho capito che sei una persona speciale e spero davvero tanto di poter chiacchierare con te davanti ad una bella tazza di the

  • Valeria ha detto:

    Eccomi!! Allora le cose che mi piacciono ora e in questo momento (lista mutevole è vero):

    – essere di buonumore
    -gli sguardi che comunicano
    – tenere la mano del mio uomo
    -il lilla
    -il lilla accostato al verde chiaro
    -ridere
    -ridere con il mio amore
    -danzare
    -far stare bene le mie allieve
    -i glitter…sempre…e da sempre!
    -la musica , quella che carica ma anche quella che fa venire i brividini
    -il gelato
    -il cioccolato
    -la menta
    – i tre qui sopra insieme =)
    -la luce del sole che entra in casa e mi illumina tutte le pareti colorate delle stanze
    -i miei cuscini nuovi
    -guardare film
    -pizza e coca cola
    -shopping !!
    ——–

  • Lapippipessa ha detto:

    Voglio proentovare… Mai fatta questa lista! Vediamo un pò :
    1 passare del tempo con i miei genitori e mia sorella
    2 accucciarmi sul divano con mio marito
    3 truccarmi
    4 cucire
    5 sentire il sole caldo in viso
    6 immaginare la prossima vacanza
    7 ridere di cuore insieme a chi amo
    8 vedere il mio film preferito
    9 fare shopping sfrenato
    10 leggere un libro

    Per il momento mi fermo qui, ma la lista aumenterà di sicuro. Ora provo a riflettere su ciò che ho scritto e vediamo come va!
    Un abbraccio

  • Mariella Bonacina ha detto:

    Ciao Iaia, forse fare la lista delle cose che mi rendono felice potrebbe aiutarmi a uscire da questo periodo difficile…bene, ecco le cose che piacciono a me e mi fanno stare bene:
    -mia sorella
    -i gatti
    -i libri e le biblioteche
    -la Toscana
    -il mare in tutte le stagioni
    -i borghi medievali
    -il profumo delle torte appena sfornate
    -le rose del mio giardino
    -i calli veneziani
    -studiare e scrivere
    Nei momenti di tristezza proverò a ripensare a questa lista e cercare di sorridere!
    Grazie Iaia…un abbraccio!!!

  • Facchini Carel ha detto:

    Ciao Iaia, la lista delle cose che mi piacciono vediamo:
    – il the caldo con mia mamma, rito assoluto( ci piace comprare the particolari e berli insieme)
    – i miei cani
    – l’odore del mare
    – fare i dolci in casa e cucinare
    – il cibo etnico
    – pensare alle cose belle che facevo con mio padre
    – lo shopping
    – stare in casa davanti alla tv quando fuori diluvia
    – viaggiare

  • Giulia Pesce ha detto:

    Penso che ci siano cose che diamo per scontate.
    Penso che ci siano troppe cose che siamo abituati a fare o ad avere sotto mano tanto da non renderci conto di quanto siano magiche e di quanto possano farci stare bene.
    Vediamo un po’…
    – il muso del mio cane.. i suoi occhi dolci e il suo modo di dimostrarmi tutto il suo amore..
    – le risate con i miei genitori a tavola quando, dopo una giornata di lavoro ci mettiamo a chiacchierare e scherziamo e ridiamo di pancia e di cuore..
    – gli abbracci della mia cuginetta
    – il profumo di torta
    – il rumore del mare
    – la foto di mia nonna
    – cucinare e imbrattarmi
    – ridere
    – gli abbracci delle mie amiche
    – i baci dei bambini con cui lavoro
    – l’alba e il tramonto
    – le fotografie
    – le sorprese
    – i messaggi inaspettati
    – i “ti voglio bene”
    – la pizza con gli amici
    – il vino con gli amici
    – ballare
    – la musica
    – i ricordi
    – la camomilla
    – il sushi
    – le carezze
    ……… wow non pensavo di trovarne così tante..

  • Marika ha detto:

    Il tuo post capita a fagiolo in un momento un po’ triste…il solo pensiero della lista ha iniziato ad avere un effetto apotropaico…scriverla un vero toccasana. Grazie Iaia. Ecco la mia lista, per nulla esaustiva.

    – Guardare Tutti insieme appassionatamente (che il titolo del tuo post mi ha inevitabilmente ricordato);
    – Bere caffè nero in piedi e in silenzio;
    – Il mare d’inverno;
    – Il mare d’estate;
    – La sensazione della sabbia sotto i piedi;
    – Dormire quando fuori piove;
    – Leggere un libro che mi piace al punto di non voler fare altro;
    – Viaggiare;
    – Preparare la valigia;
    – Mettere la crema sulle mani;
    – Cantare a squarciagola in macchina;
    – Guidare;
    – Parlare in francese;
    – Ridere a crepapelle e avere mal di pancia dopo;
    – Incrociare uno sguardo d’intesa di una persona sconosciuta;
    – Scrivere;
    – Pianificare un viaggio nei dettagli;
    – Avere qualcuno che mi accarezza i capelli;
    – Camminare sui tacchi alti;
    – Fare l’amore;
    – Lavorare. Tanto. Sodo.
    – Scazzottare in palestra;
    – Ballare fino ad avere mal di piedi;
    – Le montagne russe.
    – Il gelato a mascarpone;
    – Lo smalto sui piedi;
    – Il sorriso spontaneo delle persone;
    – Festeggiare il compleanno;
    – Ascoltare musica;
    – Le fotografie;
    – Stare sotto le coperte;
    – La lingerie sexy;
    – La voce di mia zia Michelina, che mi ricorda tanto quella di mia nonna;
    – Camminare da sola in una città nuova;
    – Giocare a pallavolo;
    – Andare in barca;
    – Bere vino rosso;
    – Ascoltare chi suona il pianoforte;
    – Guardare serie tv mentre mi addormento;
    – Vedere il viso delle mie amiche quando sono triste e sapere che non mi serve parlare;
    – La cucina etnica;
    – Il curry;
    – I polpacci degli uomini;
    – I tulipani;
    – Truccarmi;
    – Il tramonto sulla Senna;
    – I ponti di Parigi;
    – Tornare dal lavoro e vedere che mia madre ha cucinato per me;
    – La telepatia con mia sorella;
    – Trovare sempre un lavoro nuovo;
    – Avere la stima delle persone che amo;
    – Bere latte caldo quando ho mal di testa;
    – Sentire il trillo del cellulare quando aspetti un messaggio;
    – La pizza;
    – Le persone felici;
    – Gli amici.
    – L’amore.

  • Liz ha detto:

    Ciao Iaia! Bellissimo post! Penso che sia un’ottimo consiglio quello di focalizzarsi sulle cose belle nei momenti negativi, invece di lamentarsi e piangersi addosso (come invece mi capita, purtroppo di fare spesso.. anche se sto migliorando fortunatamente! ). Ecco la lista delle cose che piacciono a me: il profumo del mio fidanzato, le coccole del mio fidanzato, le fusa delle mie tre gattine, il mare, le stelle marine, il sole, la danza e il pilates, i macarons, il cioccolato, il cocco, fare colazione al bar con mamma e papà, il makeup, fare shopping, i diamanti.. Comunque questa lista è destinata ad allungarsi.. e grazie per la tua idea di volerla continuare insieme!!! Un bacione!

  • Liz ha detto:

    Non so come ho fatto a dimenticarlo! Alla mia lista è d’obbligo aggiungere le due città secondo me più belle al mondo: New York e Roma! E poi aggiungerei anche i pancakes!! Un bacione!!!

  • Valentina ha detto:

    La mia lista 🙂 :
    – viaggiare
    – musica
    – fare immersioni
    – l’estate
    – il mare
    – comprare una borsa nuova
    – volare
    – leggere un ottimo thriller
    – la pizza
    – Roma. La mia città.

  • Stella ha detto:

    Ecco la mia lista;
    Ridere
    Visitare una nuova Città
    Conoscere gente interessante
    Studiare l inglese
    Imparare a scegliere ciò che mi fa bene e ciò che non lo fa
    Aiutare gli animali in difficoltà
    Cambiare arredamento alla mia casa
    Voglio fare tutto ciò che in questi mesi passati di dolore mi sono privata!!
    Un bacio amica mia

  • Simona ha detto:

    Io ho letto solo oggi questo post molto interessante che mi ha fatto riflettere molto…le cose che piacciono a me in ordine sparso sono:
    – La pizza con doppio pomodoro e mozzarella di bufala
    – Abbracciare il mio amore e incastrarci come solo noi sappiamo fare
    – Stare sul divano al calduccio guardando la mia serie tv preferita del momento
    – Curare le mie rose fucsia
    – Il colore fucsia
    – Abbronzarmi al sole con una leggera brezza che mi coccola
    – Il the freddo alla pesca
    – Cantare a squarciagola tutte le canzoni che adoro e abbinarci dei balletti inventati (soprattutto in macchina)
    – La pelle liscia
    – Le unghie colorate
    – Ricordare gli anni di scuola con le mie migliori amiche
    – Guardare le fotografie
    – Andare al cinema
    – I pancakes con lo sciroppo d’acero
    – L’arrosto e il tiramisù della mamma
    – I baffi del mio papà
    – Andare al mare con i miei genitori che mi fa sentire ancora la loro bambina
    E tante altre ancoraaaaaaaa ma se non mi fermo non finisco piùùùùùùùù
    Grazie Iaia della bellissima riflessione che mi hai fatto fare e che mi ha fatto sentire subito una ragazza fortunatissimaaaaa!!!

  • ClaudiaLuna ha detto:

    La mia lista… io ho una “lista dei desideri” infinita e in continuo aggiornamento. Ma una delle “Cose_che_mi_piacciono_e_mi_fanno_star_bene” forse non l’ho mai fatta. Provo?
    Il colore fra il turchese e l’ottanio del cielo sereno mezz’ora dopo il tramonto, i primi di settembre.
    L’arcobaleno.
    Intravedere l’arco delle Alpi in certe giornate terse d’inverno dai cavalcavia della tangenziale.
    Le brioche (vuote) e i croissant (con una goccia di confettura d’albicocca) che vendevano nel forno vicino a Ca’ Badoer a Venezia.
    Gli orecchini (mai uscire senza).
    Tutti gli oggetti a forma di luna (e stella).
    La Luna, mia sorella elettiva, e i nostri dialoghi notturni.
    I raggi di sole che ti accarezzano e scaldano attraverso i vetri della finestra chiusa in un raro pomeriggio pigro e limpido di novembre (o febbraio).
    I colori dei boschi canadesi in autunno.
    Londra (tout-court). Ma anche il Galles, la Scozia ed Edimburgo. E il latte in bottiglia sulla soglia di casa. E i Donuts “veri”.
    La Coca-Cola (e il suo simbolo, ovunque).
    I film e le serie di fantascienza.
    I libri che ti trasportano e ti accompagnano altrove.
    Progettare belle case che diventano Nidi amatissimi.
    Preparare i Biscotti di Natale.
    Mangiarli col mio compagno.
    E regalarli agli amici.
    Fare shopping on-line, spesso virtuale (quando riesco a fermarmi), troppo spesso reale (quando non ci riesco, e PayPal è più veloce dei miei rimorsi).
    Ascoltare vecchie canzoni “solo mie” (quelle che cantavo o avrei voluto cantare).
    Scoprirne di nuove, ma assolutamente con video.
    Collezionare immagini artistiche di fiori (dipinti e fotografie) nella mia fantastica Quadreria Virtuale (perchè non posso possederle tutte, non saprei dove appenderle, e non sono capace di sceglierne solo qualcuna).
    E immagini di passerotti e uccellini.
    Collezionare “buone idee&soluzioni geniali” per problemi che non risolverò e magari non ho neppure, ma non si sa mai.
    I cibi bianchi, chissà perchè: la mozzarella, la pizza bianca, la cioccolata bianca, il riso e l’orzo.
    L’odore della grigliata sul barbeque.
    Il profumo della mia torta di mele uscita dal forno.
    Le albicocche del mio albero, che ora non c’è più.
    Le pesche dell’Orto del Paradiso [un monastero Benedettino di cui era priore lo zio di un mio pupil, N.d.R.].
    L’acqua fresca quando ho davvero sete.
    Una piscina (/coperta) tutta per me.
    Camminare a piedi nudi dopo 12 ore di scarpe.
    Massaggiare il collo e poi i piedi del mio compagno, e farlo puntualmente addormentare come un bimbo.
    L’amore del mio Orso Coraggioso, in cui ho creduto per prima e che ho difeso da tutto e tutti, anche da me stessa. E che si è rivelato così grande, profondo, senza riserve nè limiti, nel momento in cui la vita ha cercato di nuovo di sconfiggermi e fuggire.
    Il Suo odore, che calma la mia tachicardia, il mio panico, e riporta il sorriso.
    […To Be Continued…]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *