Le 10 borse icona. Quanto costa sognare?

Esiste forse una donna che non ami le borse? Beh, sulle umane non posso garantire, ma per quanto riguarda le streghe gnocche allora non ho dubbi:

tutte noi amiamo le borse!

E più siamo gnocche più ci circondiamo di borse, quasi quanto ci accerchiamo di gatti. I gatti neri proteggono le streghe, si sa, ma anche le borse non sono da meno! E non importa nulla che siano costose o di materiali pregiati (non che ci disgustino le cose nobili eh, sia mai!) Ci basta che siano BELLE. E cosa sia bello, ovviamente, lo decidiamo noi!

Quando si tratta di borse, poi, quasi tutto può diventare BELLO/INCREDIBILMENTE PRATICO/INDISPENSABILE.

Le borse sono il nostro scudo, il nostro cuscino, il nostro feticcio da coccolare.

Le borse sanno più cose di noi di quante gli uomini potranno anche solo lontanamente intuirne. Le borse custodiscono i nostri trucchi, i nostri pensieri, i nostri rimorsi e i fazzoletti per asciugarli.

Le borse sono la nostra salvezza, il nostro vizio, la nostra coperta di Linus.

Perché puoi avere anche un solo tubino nero nell’armadio, una strega lo sa, saranno le borse a farlo diventare un abito da passeggio, un perfetto look per un colloquio di lavoro, una micidiale arma sexy per l’uscita serale con quel tipo che “Ora ti faccio vedere io cosa vuol dire essere femmina!”

E così abbiamo collezioni di borse più folte di quelle del Metropolitan Museum, perché ci sará sempre un colore che ci manca, un’occasione che richiede un tocco speciale, un nuovo modello che le amiche decreteranno “È perfetto per teeeeee!”

E poi ci sono loro. Le borse icona. Le borse cult. Borse che rimarranno probabilmente per sempre solo un desiderio ma, che se non avessimo imparato che in pre-ciclo non bisogna prendere decisioni, più di una volta saremmo state pronte a volatilizzare la tredicesima solo per toglierci quello sfizio lì.

E allora vediamole, ammiriamole e… Sogniamo un po’. Che sognare non è vietato e fa tanto tanto bene alla salute! E poi, soprattutto, non costa nulla!


Iconic Bags: my Top Ten


BIRKIN HERMES

La borsa icona per eccellenza, capiente e sempre attuale, prende il nome da Jane Birkin.

Si racconta che l’attrice abbia incontrato lo stilista di Hèrmes Jean-Luis Dumas in aereo. Vedendo che l’attrice faticava a riporre tutto l’occorrente al viaggio nella sua borsetta Hermes lo stilista le chiese di poterla prendere con sè per apportare alcune modifiche.

Fu così che nacque quella che venne battezzata “Birkin Hermes”

Il prezzo della Birkin di Hermes va da un minimo di 6000 euro ad un massimo incalcolabile, dal momento che ne esistono versioni a tiratura limitatissima in materiali lussuosi e con metalleria gioiello.

Per avere una Birkin Hermes ė necessario iscriversi ad una lista d’attesa. Beh, del resto, lei è la signora delle borse.
2.55 CHANEL 

Per quanto la Birkin sia assolutamente la regina indiscussa delle borse icona per molte tra le fashioniste l’oggetto del desiderio per eccellenza rimane lei: la Chanel 2.55, per questo per me lei è la vera IT BAG.
Sapete cosa significa il suo nome? È la sua data di nascita! Infatti è nata nel Febbraio 1955, quando Coco Chanel la creò pensando che le donne stavano cambiando e desideravano una borsa più moderna. Non sapeva che stava per dare vita ad un capolavoro che avrebbe attraversato le epoche di li in avanti!

Karl Lagerfield cambiò poi la chiusura (in origine un semplice rettangoli o, che caratterizza ancora il modello originale in vendita) aggiungendo le due C che ben conosciamo.

La 2.55 è normalmente in pelle matelassè (anche se ne esistono svariate versioni) ed in diverse misure.


I prezzi variano molto di stagione in stagione e crescono di anno in anno in maniera esponenziale,  ad oggi il prezzo della versione piccola si aggira intorno ai 3500 euro, la media 3900 euro me tra la jumbo (non sempre prodotta) ha un prezzo non inferiore ai 4500 euro.

GUCCI JACKIE

Prende il nome da Jackie Kennedy Onassis, fotografata più volte con questo modello della maison. Comoda e capiente, si porta a spalla. È una bora dal design pulito e raffinato e per questo intramontabile.

È stata recentemente rivisitata e le sono state aggiunte tracolla e nappe. Tuttavia, per me, la prima versione, ma in pelle logata rimarrà sempre la più chic.

La Jackie ha un prezzo che si aggira intorno ai 1500/2000 euro a seconda dei materiali impiegati.
KELLY HERMES

Nel 1958 Grace Kally, assediata dei fotografi, cerca di nascondere la sua gravidanza coprendosi il ventre con questa borsa.

Da allora, per tutti, è la Kelly.

La Kelly è austera e chic, semplice e discreta. Non mostra loghi a vista ma è comunque inconfondibile.

Il suo prezzo parte dai 7000 euro


BOY CHANEL
Ok, vi svelo un mio segreto. La 2.55 sarà anche la IT BAG per eccellenza eppure, in casa Chanel, la mia preferita è lei!

È la ribelle di casa, la signorina rock. Un po’ come me.

Prende il nome da Boy Capel di cui Coco fu innamorata e la sua chiusura è stata creata prendendo spunto da un bottone art deco e dalla chiusura di una cassaforte.

È il modello più “maschile” della maison eppure secondo me è davvero molto sensuale.

È un vero gioiello ed anche il suo prezzo, chiaramente, è quello di un pezzo cult.

La misura media parte da 3.400 euro. Esiste anche la versione jumbo e la mini


SPEADY VITTON

La speady ha letteralmente conquistato le ragazze di tutto il mondo, sarà perché, come dice il suo nome, è una borsa pratica e “veloce”

O sarà forse perché il suo prezzo, tra tutte le borse icona, è quello più democratico: circa 600 euro.


CÉLINE BOSTON

Sapete com’è nata la borsa che oggi è sicuramente la più desiderata e sfoggiata da celebrities e fashion blogger?

LVMH, la holding del lusso che possiede Celine, voleva ridonare lustro al brand e così ha affidato alla designer Phoebe Philo, creatrice della Peddington Chloe (ve la ricordate? La mitica borsa col lucchettone dei primi anni 2000?), il compito di creare una borsa cult per la maison. Nulla, come una borsa del resto, sa attirare l’attenzione dei media e delle star!


Così è nata la Boston, primo modello sotto la direzione di Phoebe. È stato amore a prima vista per esperti del settore, stylist, stampa e celebrità.

Il motivo è semplice. Questa Tote Bag di Celine ha un design particolare ed accattivante, adatto alla quotidianità di ogni donna, ma con un carattere che la rende davvero una protagonista.


La misura 30X30 della Boston ha un prezzo che parte dai 2.650 euro a seconda dei materiali, colori e finiture.
LADY DIOR



In realtà si chiama Chouchou Bag ma tutti la chiamano Lady da quando di lei si innamoro Lady Diana, che la portò al successo.

In pelle lucida matelassé (nella versione più amata) ogni stagione viene proposta in moltissime varianti colore essendo una borsa che non passa mai di moda ma, anzi, la moda la reinventa.

È elegante, perfetta per un outfit da sera ma al tempo stesso briosa e sensuale, proprio come la mitica Lady D.

A me piace indossata con i look più casual. Crea un contrasto davvero irresistibile.

La Lady Dior viene proposta in diverse misure. La mini, che vedete qui sopra, ha un prezzo base di 2300 euro. Dovrete aggiungerne un migliaio per la versione media.
BALENCIAGA CITY BAG

Quando si dice “la Balenciaga” tutte pensiamo a lei: la City Bag. In realtà, ovviamente, la City è solo una delle borse proposte dalla casa di moda, tuttavia è in assoluto la più iconica.

Nata nel 2003 dalla mente geniale di Nicolas Ghesquière si tratta di una borsa dal carattere forte. L’anima rock, raccontata dai dettagli stilistici accattivanti, viene stemperata dalla praticità di indosso e dalla capienza modulabile che la rendono una perfetta compagna per la vita di tutti i giorni di ogni donna.

Il volume è morbido (la Balenciaga City Bag non sta in piedi se vuota) ed assume una bella forma soffice se riempita.


Il prezzo della City bag si aggira intorno ai 1500 euro

PRADA GALLERIA

L’eleganza assoluta della Prada Galleria Bag è la caratteristica che la rende una borsa estremamente versatile, adatta a qualunque età ed assolutamente in grado di attraversare i tempi.

Prende il nome dal famoso negozio, fondato da Mario Prada, nella Galleria Vittorio Emanuele, a Milano. Primo store monomarca della maison, aperto nel 1918.


La Galleria Bag è prodotta in moltissimi colori, in differenti tipologie di pellami e finiture.

Per aggiudicarvela, nella misura media, dovrete sborsare circa 1500 euro.
Eccoci qui. Questa è la mia personale TOP 10 di borse cult. Sono rimaste fuori dei grandi Cult, come le YSL, le Fendi… Insomma… Mi sa che dovrò uscire presto con un post a completamento.

Detto ciò, ragazze, so cosa state pensando. Anche io credo che i prezzi di alcune di queste borse siano davvero “da capogiro”. Tuttavia, come vi dicevo, si tratta di veri sogni ad occhi aperti, di investimenti da tramandare poi a figlie e nipoti, potendoseli permettere.

Altrimenti possiamo ispirarci a questi grandi classici scegliendo dei modelli “inspired” ma, mi raccomando, se di ispirazione devono essere allora che lo dichiarino apertamente con colori e fatture ironiche, materiali d’avanguardia e divertenti ed uno stile scanzonato ed giocoso.

L’effetto cool sarà garantito e il portafogli “tutelato”!

Al prossimo incantesimo…

Tutte le immagini sono tratte da Pinterest.

I prezzi delle borse sono indicativi. Resto a disposizione per eventuali modifiche da apportare che potrete segnalarmi all’indirizzo iaia@theblondewitchproject.it


10 Comments

  • Stella ha detto:

    Finalmente il post che aspettavo!!!!!concordo pienamente su ogni parola che hai scritto!!!ora però scrivici magari cosa tieni tu nella borsa .. Bacione Iaia..

  • manuela ha detto:

    hey iaia mi hai letto nel pensiero ahahah
    stavo appunto cercando una bag nuova per la primavera ma non ne trovo che mi ispirano
    queste beh sono divine e come tali inaccessibili ahahah
    celine e dior le mie preferite soprattutto colorate
    ho trovato però delle belle borse sul sito di river Island,sono molto originali, non so se conosci
    eventualmente te lo mando per email
    ah e tieni duro col tuo nuovo programma di ginnastica!
    sei fortissima!!!!!!!
    ciao ciao

  • Liz ha detto:

    Ciao Iaia! Mi sa che sto davvero diventando una strega: amo le borse.. e amo i gatti.. e devo nascondere le mie borse dagli “attacchi” dei miei gatti!!! A parte questo, bellissimo questo post!!!!! La mia preferita è la signora delle borse, la Birkin di Hermes!!! La trovo super chic! Non so se la comprerò mai.. per ora sono a caccia di qualche versione inspired (hai qualche suggerimento su qualche brand che le proponga in versione ironica e divertente?)… poi a me piacciono tantissimo i bauletti di Burberry: non so se siano fashion (mia mamma me li critica sempre e mi dice che sembro una “vecchiarda”) però io li trovo molto eleganti e in generale a me piace Burberry come brand! Un’ultima cosa che non c’entra: negli ultimi 7/8 post ho lasciato, come sempre, il mio commento, ma poi rileggendo in un secondo momento i post non li ho più visti, come se non fossero rimasti.. magari è il mio smartphone che comincia a sentire la vecchiaia, però ci tenevo a dirti che non mi sono persa neanche un post e che non ti ho abbandonata! Un bacione e grazie di tutti i tuoi consigli! Sei sempre la migliore! ♡♡♡

    • Iaia De Rose ha detto:

      Mmmm… È molto strano Liz. Non dovrebbe accadere a meno che non vi siano contenuti offensivi, che certo non è il tuo caso. Credo non dipenda dal blog, a questo punto.
      Riguardo una versione ironica della Birkin… Presto un post! Baci

  • Liz ha detto:

    Penso sia il mio smartphone che merita la pensione ormai!!! 😉 non ho mai scritto commenti offensivi, sia perché mi piaci molto tu come persona e come esempio da seguire sia perché non mi piacciono i commenti offensivi in generale.. sicuramente sarà il mio smartphone! Grazie mille per il post sulla versione ironica della Birkin: aspetto i tuoi consigli perché non vorrei mai trovarmi a comprare una “versione mal fatta” della borsa che sarebbe solo ridicola secondo me! Quindi prima di fare acquisti avventati aspetto (come sempre) le tue dritte (con cui non sbaglio mai!!).. un bacione! ♡

  • Stefy ha detto:

    ciao iaia 🙂 bel post! io ultimamente sono fissata con le michael kors ( hanno prezzi molto più abbordabili), ma la birkin e la lady dior le trovo favolose 🙂

  • Valentina ha detto:

    Ciao Iaia,borseeeee finalmente!!!! mi chiedevo quando finalmente avresti parlato del mio oggetto preferito in assoluto!! 🙂
    Di quelle da te elencate la mia preferita è la Lady Dior,nella versione medio grande però.Se dobbiamo fare le cose facciamole per bene. .-)
    Peccato che hai lasciato fuori YSL!!! Alcune sue borse sono tra le mie preferite,mentre un brand che letteralmente adoro ed è decismamente più abbordabile è Alviero Martini di cui ho una piccolissima tracolla 😉
    Baci!

Rispondi