I sandali che vorrei

Io, quella a cui scrivete per avere consigli per il capo più trendy da indossare, quella con cui vi confrontate per capire quale sia l’outfit perfetto per il primo appuntamento “non troppo sexy ma neanche Sora Lella”, quella alla quale chiedete lumi su dove trovare i pantaloni perfetti quelli attesi una vita, gli unici in grado di farti il culo a mandolino ecco, proprio io, confesso: ho indossato per tre settimane di fila le stesse 3 paia di scarpe. Alternandole con nonchalance e senza vergogna ( a dire il vero solo un po’)

E questo perché, appunto 3 settimane fa, ho pensato di far spazio nella stanzetta che dovrebbe essere il nostro studio e invece, al momento, è la mia cabina armadio. L’ho fatto perché, proprio nel nobile intento di far spazio, mi ero sbarazzata di circa 80 paia di scarpe (regalate ad amiche varie) e avevo rinchiuso le mie restanti paia (ok… Ok… Non proprio tutte. Altre sono giù in cantina) in 3 scatole, pensando che poi le avrei riordinate. Poi. Appunto.

È che quando io dico “Poi” questo poi si può facilmente tramutare in “Ok dopo il lavoro, Vabbè ma son troppo stanca ora, facciamo domani anzi con la sindrome premestruale no col ciclo tantomeno  ma lasciatemi stare che sono isterica vi odio tutti ok ok sono stata cattiva nessuno mi vuole bene con questo stato d’animo vuoi pensare alle scarpeeeeee???” 

E così sono passate 3 settimane. 

3 settimane in cui ovviamente sono andata in giro con outfit improbabili che se fossi stata a Lamezia Terme mi avrebbero presa per una profuga. Ma per fortuna sono a Milano. E a Milano se ti metti le Sneakers fuxia con la gonna della nonna è subito “troppa moda”. Una salvezza.

Il motivo era semplice: non avevo voglia di andare in stanzetta, a cercare le scarpe nelle scatole. E così: scarpe a casaccio.

Se mi seguite da tempo sapete che una delle cose che vi dico più spesso è che non riuscirete mai ad essere eleganti se prima non fate ordine. E non intendo nella testa (per quello almeno nel mio caso c’è tanto da lavorare), intendo proprio nell’armadio.

Se avete un armadio disordinato e poco tempo come me rischiate di metter cose a caso e di abbinarle male. Risultato? Sciattona! 

Così ieri finalmente mi sono decisa e mi sono messa a riordinare le scarpe estive. Se andate su Snapchat trovate (ancora per oggi) tutta la telecronaca del riordino. Riordinare non serve solo a trova facilmente le cose. Serve anche a ricordarsi cosa si ha. Cosa fondamentale visto che io sono la regina dei doppi acquisti e anche di quegli acquisti immettibili che… Io veramente BOH! 

Riordinare ci salva dal commettere altri gravi errori. 

Riordinare ci fa anche venire una sana voglia di acquisti ragionati, di investimenti, di pezzi “Must Have” intramontabili che “Questo mi manca proprio!!!” Si, avete capito bene, mi sto già giustificando.

È che nel riordinare e dopo aver scoperto che, una volta già debitamente scremate, le mie scarpe estive che giudico tutt’ora TOP ammontano a:

5 paia di sandali bassi

15 paia di sandali alti

9 paia di pump

6 paia di Middle Heels e 

9 paia di sneakers 

ho capito di avere assoluto bisogno e quando dico assoluto intendo proprio assoluto di 1/2 paia di saldali da sera.

Che poi quelli non sono mica solo da sera! Io già mi ci vedo a sfoggiarli con nonchalance già di prima mattina, mentre prendo il caffè con in jeans sotto casa.

  
  

Li voglio altissimi. Li voglio senza plateaux. Voglio che il piede resti più nudo possibile. Voglio che siano sexy ma non volgari. Insomma voglio I SANDALI. quelli della vita.

E non mi importa se faranno male (i miei sandali hanno tutti il plateaux, anche se lo odio, perché mi sono rovinata i piedi a furia di star sui tacchi e oggi non sopporto nessuna scarpa alta)! Ho bisogno  di riappropriarmi di quella camminata da vamp! Sì proprio quella. Quella che solo QUEI sandali ti danno

Insomma per i sandali della vita bisogna investire, ma ne varrà la pena perché se la fattura è di alto livello le scarpe durano una vita. E poi meglio un solo investimento eterno che mille acquisti di basso livello! Ok… Ok… Questa non è una scusa! Lo penso sul serio! L’ho detto anche su Snapchat, basta scarpe dozzinali! 

E così, ma solo così eh, senza impegno, mi sono messa a fare una piccola ricerca dei SANDALI DELLA VITA. E ovviamente li ho trovati (e ovviamente non dormirò più finché non li avrò nella mia stanzetta. Ma questi son dettagli!)

Giusto per ispirarvi e farvi sognare un po’, si sa mai che tra voi ci sia qualche attenta investitrice come me, ecco qui la mia 

GALLERIA DELLE MERAVIGLIE OVVERO I SANDALI SEXY PIÙ FIGHI DEL GLOBO

  
Hesper Jimmy Choo 650.00 euro

Essenziali, chic, inclinati quanto basta. Semplici, forse troppo. Ma comunque di sicuro effetto.

  
Sandalo in pelle metallizzata Gucci 650.00 euro

Direttamente dall’ultima collezione. Un po’ troppo strutturati per i miei gusti e forse anche troppo “trendy”, tuttavia davvero splendidi. Come non amare Gucci e le ultime creazioni di Alessandro Di Michele? 

  
Jane Ankle Strap Yves Saint Laurent 695.00 euro

Bellissimi. Morbidi. Tacco non altissimo(10,5 cm) ma perfettamente proporzionato. Insomma… Che dire? Niente. Sono bellissimi. Ma manca ancora qualcosa…

  
  
Darcie Sandals Zanotti Design 595.00 euro

Wow! Veramente wow! Splendidi. Mi piace l’essenzialità dei listini, adoro l’inclinazione e la proporzione tra tacco e suola… Sono perfetti. Anzi, ecco… Quasi perfetti, non sono una fan dell’incrocio alla caviglia. Ma potrei chiudere un occhio perché ecco, esattamente come li ho in testa io magari non esistono… 
E invece… Esistono! 

  
Harmonie Zanotti Design 595 euro

Non ho parole. Preferisco tacere e sognare. Non sono meravigliosi? Non sono perfetti praticamente ovunque  e comunque? 

Oh mica lo dico solo io eh… Pare che siano i sandali più amati dalle star! Ci sarà un motivo?

  

Gigi, con tutto il rispetto “Scansate!”, a me staranno molto meglio! 

   
   

Va beh va beh… Freniamo un attimo tutta sta topaggine che, con quelle ai piedi siam capaci tutte eh! Quasi ecco… Ma che importa? Che importa se posso infilare i piedi dentro queste meraviglie? 

E vi dirò mi sa che quando li prenderò li prenderò neri… Semplici, bellissimi, instancabili. Sì. Io li avrò neri.

  

Perché li avrò. Potete giurarci, anche a costo di non mangiare. Anzi già che ci sono stavo giusto pensando di mettermi un po’ a dieta. Brodino di dado per un mese. Che ne pensate? 

E poi li indosserò, affamata come la profuga di cui sopra ma volete mettere che gambe da urlo che avrò dopo un mese di digiuno e con queste ai piedi?  

Si scherza eh… Ma non troppo!

E voi? Qual è il vostro modello preferito? 

Ps. Tra 2 giorni è il mio compleanno, se volete fare una colletta non m’offendo.

Ps 2. Se non vi siete ancora stancate di sentirmi sparare cagate e volete vedere le mie scarpe potete seguirmi su Snapchat. Mi trovate come Iaiablondewitch

Al prossimo incantesimo… 

12 Comments

  • Kikka ha detto:

    Ciao Iaia, i sandali che ami, sono meravigliosi…io li sceglierei argento.
    Come sempre, articolo ironico e vero.
    Kikka

  • Alessandro ha detto:

    Bellissimi ma dei veri trampoli,ti immagino visto che io sono nato a Roma a camminarci sui sampietrini in piazza del popolo,altro che camminare sulle acque,comunque fossi tuo marito prenderei appunti una donna come te li merita e li valorizza alla grande,sono sicuro che stanno meglio a te rispetto alle foto che hai postato,poi non costano tantissimo per una volta si può,basta che non ti abitui troppo ahahah,spero tu stia meglio buona settimana P.S Sei nata quasi lo stesso giorno che faceva gli anni mia madre lei il 31 ciao!

  • Chiara ha detto:

    A me piacciono tantissimo quelli di Gucci che hai postato!!! Sarà che il piede nudo mi piace…ma non mi ci vedo! Se ti interessa, quelli di ysl li trovi a prezzi decisamente molto umani al fox town…così magari ne prendi due anziché solo quelli da sogno

  • Giulia ha detto:

    Ciao Iaia, ancora una volta mi trovo d’accordo con te! =) Adoro i sandali nudo perché slanciano tantissimo le gambe, anche se i modelli che possiedo non sono certo al livello di quelli che descrivi… Ne ho argentati, classici neri e un paio in tessuto con stampa fiorellini. Unico problema? Abitando a Viterbo, città medioevale, e non rinunciando ai miei amati tacchi nemmeno per l’uscita serale nel centro storico, a causa dei maledetti sanpietrini, le scarpe mi si spellano proprio sul tacco =(( PS: avrei voluto troppissimo essere anche io domenica a #iononmivergogno, ma è un po’ lontanuccio… sarebbe bello farlo anche al centro e al sud Italia, comunque ti appoggio questo fantastico evento! Un abbraccio! =)

  • Silvia ha detto:

    Bellissimi Iaia e fai bene a regalarteli se questo ti farà sentire meglio! Prima o poianche io mi regalerò qualcosa di “irraggiungibile” che adoro! Non so se saranno scarpe, una borsa o un abito… Ma lo farò, e sarebbe un investimento talmente a lungo termine che mi ci farò seppellire. Chic x l’eternità! Ehehehehe

  • Liz ha detto:

    Mi fai morire Iaia!!! Solo tu riesci a riunire in un mix perfetto consigli di stile e simpatia (mi ha fatto morire la storia del brodo per un mese!!)… e concordo, sono sandali stupendi!!!!! Purtroppo per i miei piedi orrendi (rovinati dalla danza) sono troppo “nudi” (infatti, anche se non mi piacciono, uso sandali molto più coprenti e chiusi), però sono splendidi e su di te staranno benissimo!!!!! Un bacione!

  • Liz ha detto:

    Ps: ti faccio già ora tantissimi auguri di buon compleanno! Auguri di cuore!!!!!! ♡♡♡

  • Manuela ha detto:

    Ola iaia!!!! Sono tornata ieri dalle vacanze a Rimini e mi devo riabituare alla routine hahahaah aiuto! Col tuo blog ovviamente mi riprenderò per benino! Adoro questi sandali danno subito un tocco di figaggine e io a volte li uso anche di giorno col jeans! Fantastici quelli di ysl e di Zanotti modello darcie! !!!!
    Bacioni!!!!!

  • Iry ha detto:

    Ciao Iaia, credi ke questo tipo di sandalo molto aperto possa andare bene per un matrimonio il 29 settembre? O è troppo “estivo”? Mi farebbe piacere avere un tuo consiglio 😉

  • Chiara ha detto:

    Fantastici! Tutti meravigliosi, ma il il mio designer preferito in fatto di sandali resta René Caovilla. Ne posseggo un paio neri con cinturino di raso e perle che sfoggiavo quand’ero giovane, comprati da certe spacciatrici di campionari post-sfilata quando lavoravo nella moda, e che ora tengo sottoscatola con una certa nostalgia come memorabilia degli anni ’90 (e di me stessa). Mi piacciono molto anche quelli che indossi spesso durante le dirette, neri e gold, sembrano super comodi. Buona serata e buon compleanno ancora!

  • Giuseppe ha detto:

    Se mai un giorno, stanca, deperita e affamata dovessi riuscire a comprarle, ricorda di documentare tutto con foto e video, non tenere tutto per te 😛

  • Francesca ha detto:

    io adoro i sandali con il laccetto alla caviglia ma ho un problema: ho le caviglie grosse e le gambe non esattamente perfette e filiformi, per cui nella scelta delle scarpe sono semrpe molto limitata dall’effetto estetico finale; mi stanno bene (creando l’effetto ottico di caviglia sottile e polpaccio slanciato) solo le scarpe in cui la caviglia sia libera, quindi decolletées o calzature in cui il laccio sia obliquo o in cui il cinturino si fermi molto sotto la caviglia, dove c’è la fine del tarso e l’inizio del metatarso.
    sigh!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *