Conosci e valorizza il tuo corpo. Piccole magie, per un look perfetto.

“Non mi sta bene niente!” Quante volte abbiamo pronunciato queste parole, sconsolate, in uno dei tanti camerini di prova dopo ore ed ore di ricerca dell’ abito perfetto?
A tutte è capitato. Perché nessuno ci ha insegnato a pensare al contrario. Forse invece di angosciarci cercando di star bene dentro un abito, dovremmo andare alla ricerca dell’abito che sta bene con noi. Esiste. Ma per trovarlo dobbiamo prima sapere cosa cercare.

Esattamente come in amore i colpi di fulmine spesso sono ingannevoli. Gli amori più duraturi sono di sicuro quelli in cui ci si prende il tempo di conoscersi e di adattarsi l’uno all’altro. Questo riesce tanto meglio quando siamo consapevoli di noi stesse, sappiamo cosa desideriamo e siamo pronte a viverlo con gioia.
La moda funziona più o meno così. Per prima cosa dobbiamo sapere come siamo fatte, poi cercare di capire cosa ci sta bene e poi acquistare solo ed esclusivamente quello che dona al nostro corpo. Risparmieremo tempo, soldi, crisi isteriche tentando di entrare nei jeans sbagliati e appariremo sempre perfette e chic.
E allora vediamo un po’ come è fatto questo nostro corpo che tanto ci fa penare. Facciamoci amicizia, gironzoliamogli intorno per un po’ e poi sforziamoci di cominciare ad amarlo. Con un paio di trucchi sono sicura che sarà un gioco da ragazze, anzi… Da streghe!

Ogni donna è diversa dall’altra. A parità di taglia, infatti, cambia la morfologia del corpo. Tante volte avrete sentito parole come curvy, demi, skinny, bold… Non ci si capisce granchè, giusto? Io preferisco suddividere le morfologie del corpo femminile in quattro categorie.

DONNA A RETTANGOLO

DONNA A CLESSIDRA

DONNA A PERA

DONNA A MELA

Iaia De Rose

Per capire a quale categoria appartenete non dovete fare altro che mettervi in piedi di fronte ad uno specchio. Ok, ok… So che, in particolare quando non si ha un ottimo rapporto con se stesse, questo può essere un momento poco piacevole. Io però vi consiglio ugualmente di farlo. Specchiatevi, guardatevi attentamente e, dopo un po’, sforzatevi di rimirarvi e di dirvi ad alta voce “Io sono bella!” Vedrete come, giorno dopo giorno, ve ne convincerete. E vi sarete convinte di una realtà. Siete belle. Siamo belle!

 

Torniamo a noi e partiamo dalla tipologia più comune in Italia

DONNA A PERA
Esattamente come una pera la forma superiore del suo corpo è decisamente più piccolina di quella inferiore. Le spalle strette, il seno piccolo o normale, la vita sottile mentre i fianchi sono abbondanti, le cosce forti e le gambe non particolarmente snelle.
Questa tipologia di donna tende ad accumulare grasso su fianchi, lato b e gambe mentre anche quando aumentano di peso viso, spalle, seno e pancia non aumentano o aumentano molto poco.

DONNA A MELA
A differenza della donna a pera questa tipologia appare tondeggiante, tanto da assomigliare, appunto ad una mela.
Le spalle sono larghe, il seno abbondante o molto abbondante, la pancia prominente mentre i fianchi risultano stretti, il lato b decisamente piccino le gambe snelle e scattanti.
Il cruccio di questo genere di nonna in genere è la pancia. Il grasso pare accumularsi tutto in quella zona facendo apparire la figura più tozza.

DONNA A CLESSIDRA
Su questa tipologia mi sono fatta, nel corso degli anni, una vera e propria cultura. Come avrete facilmente intuito è la categoria a cui appartengo anch’io.
Le spalle sono proporzionate al fianco, il seno rotondo e abbondante, la vita risulta sottile mentre il fianco sia allarga dando al nostro corpo una forma curvilinea. Il nostro punto debole sono le culotte de cheval!
E’ lì che accumuliamo i chili di troppo. In realtà però, se ingrassiamo di qualche chilo, aumentano anche il seno e le braccia e l’effetto indesiderato “maggiorata” si avvicina pericolosamente.

DONNA A RETTANGOLO
Le amiche con un metabolismo più veloce, che difficilmente accumulano peso si riconosceranno in questa tipologia. Fisico scattante e androgino, seno piccolo e fianco stretto. Il grasso si distribuisce in maniera uniforme. Il rischio per questa tipologia di donne è quello di non riuscire a dare al corpo una forma sinuosa e femminile risultando troppo spigolose e privo di punto vita. Simili ad un rettangolo, appunto.

 

E ora vediamo come valorizzare la nostra forma imparando a vestirci. In questo post vedremo come scegliere l’abito giusto, ma vi prometto che seguiranno post in cui ci occuperemo di tutto il resto: pantaloni, giacche, cappotti, jeans e tutto il resto.

DONNA A PERA
image

Dovete puntare sul vostro punto forte: il giro vita sottile. Scegliete perciò abiti che lo segnino bene, che stringano e fascino in quel punto. Da evitare assolutamente sono i drappeggi in vita, gli abiti con pieghe che partono dal sottoseno o qualunque tipo di vestito che abbia molto tessuto nella zona dell’addome. Sembrereste un fagotto.
Vanno bene gli abiti che danno respiro alle spalle aumentandone visivamente il volume, quindi ok agli scolli a barchetta, rotondi ed ampi, perfetti quelli che mostrano le spalle.
Nella parte inferiore del corpo il tessuto deve invece scivolare, cadere gentilmente sfiorando fianchi e lato b.
L’ACCESSORIO MAGICO: la cintura. Non deve più mancare. Fatene scorta. Colorate, alte, di pelle, di stoffa, strutturate come dei corsetti. Attirerà gli sguardi sul vostro vitino da vespa e la figura apparirà più aggraziata.
L’INCANTESIMO: regalatevi un look da Pin Up anni 50. Se non lo fate voi, chi?
Ben venga un bel vestito con gonna a ruota, spiritoso e sensuale.
Se avete gambe massicce ricordate di sceglierlo che sfiori il ginocchio, di accompagnarlo a calze coprenti scure, in inverno e non fatevi mai mancare i tacchi alti!

DONNA A MELA
image

Beh? Quelle belle gambe snelle, vogliamo valorizzarle come meritano?
Accorciamo le gonne, ragazze! A voi donano le lunghezze che mostrino il ginocchio, un punto femminile e sexy, così come le caviglie che se appartenere a questa categoria dovreste avere meravigliosamente sottili.
Quindi i vostri abiti dovranno essere preferibilmente corti e segnati nella zona del sottoseno, con tessuto abbondante nella zona dell’addome dove è probabile che ci sia qualche rotondità in più da camuffare. Vanno bene per voi le maniche lunghe e aderenti, le maniche corte a metà braccio o ad aletta. No alle canottiere troppo sbracciate. Ben venga uno scollo a V che verticalizza e sottolinea il vostro decollete generoso.
Le più giovani potranno osare anche una tutina con pantaloncini e culisse alta.
ACCESSORIO MAGICO: tacchi altissimi, che valorizzino le vostre gambe da gazzella e le facciano apparire ancora più lunghe.

INCANTESIMO: un look un po’ anni 70 è perfetto per voi. È visto che avete delle belle gambe sbizzarritevi con collant colorati e particolari (siete le sole a poter osare anche quelle fantasia!) e puntate sulle scarpe. Bizzarre e stilose!

DONNA A CLESSIDRA
image

Siamo tutte tette e sedere. E quindi? Dovremmo vergognarcene? Non scherziamo! Gli uomini impazziscono per le curve, ed è ora che anche noi ce ne facciamo una ragione e capiamo come valorizzare l’artiglieria!
Perfetto per noi il classico tubino, con la gonna a matita. Aderentissimo valorizza le nostre curve come nessun altro abito sa fare e, se in tessuto costruito, le contiene e le solleva sublimandole!
Occhio a non mostrare troppo! Una scollatura accennata, una lunghezza a sfiorare il ginocchio scatena il potere più potente della femminilità: il lasciare immaginare.

ACCESSORIO MAGICO: la biancheria intima. Tutta sta roba non può esser lasciata sola a se stessa! Seno e sedere abbondanti meritano una lingerie che sappia il fatto suo. Quindi fatevi consigliare da un esperto il reggiseno perfetto per voi e le mutandine che sollevino qui e contengano la. Vedrete che differenza!

INCANTESIMO: faccia tosta, ragazze! Camminate a testa alta, fiere della vostra femminilità. Vi ricordate cosa diceva Jessica Rabbit? “Non sono cattiva. Mi disegnano così!”
Quindi su il sopracciglio e siate fiere di come vi hanno disegnate!

DONNA A RETTANGOLO
image

In assenza di curve dobbiamo crearle. Quindi ben vengano gli abiti morbidi, di tessuto vaporoso. Sono ok le gonne a ruota, le maniche a palloncino e a pipistrello. Perfetti gli abiti con coulisse in vita e drappeggi strategici. Bene le lunghezze mini che scoprano le gambe.

ACCESSORIO MAGICO: le fantasie. Ok, non è proprio un accessorio. Ma riempiono e camuffano. Ci siamo capite, no?
INCANTESIMO: la vostra forma fisica ricorda quella di una ragazzina e, allora, perché non giocarci un po’. Un look preppy, che riporti alle atmosfere school può fare al caso vostro. Soprattutto se saprete interpretarlo con tanta ironia.

Ora aprite l’armadio e buttate tutti gli abiti che non vi stanno bene! Forza! Sapete di certo quali sono. Da domani si fa shopping ragionato! Adesso sapete quale modello vi dona e potrete farne scorta.
Vedrete quanti complimenti! E non sarà perché avete cambiato corpo ma, più intelligentemente, perché avete cambiato abito!
Semplice no?

Ps. Sì, lo so che i disegni fanno un po’ pena. Li ho fatti io, Sob! Ci tenevo tanto a questo post e non ho avuto il tempo di affidarmi ad una professionista! Ma vi prometto che a breve scoverò un’illustratrice (sì. Deve essere donna!) A proposito… Qualcuna di voi si candida?

Vi aspetto con il prossimo post dedicato, parleremo di pantaloni.
E se avete domande o richieste non dimenticate di postarle qui sotto…
Al prossimo incantesimo!

19 Comments

  • Liz ha detto:

    Ciao Iaia!!! Questo post è stato illuminante!!! Ho sempre pensato di essere una donna leggermente a pera.. ma da quello che hai scritto, questa tipologia prevede cosce forti e parte superiore decisamente più piccola rispetto a quella inferiore.. grazie alle tue spiegazioni e ai disegni (carinissimi e utilissimi) ho invece capito di essere più simile al rettangolo!!!!! Quindi, come sempre, GRAZIE! Non posso più fare a meno dei tuoi consigli!!!!

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Rettangolo… Ora voglio le foto dei vestitini morbidi, eh? Normalmente quali sono gli abiti con i quali ti senti più a tuo agio?

      • Liz ha detto:

        Quando fa caldo mi sento a mio agio con i vestitini (però mi sa che ho sbagliato fino ad ora, perché non ne ho molti morbidi).. In inverno invece tendo a coprirmi un tanto perché sono freddolosissima! Quindi maglie (alcune le ho un po’ morbide) e pantaloni.. gonne e shorts solo se sto al chiuso e con sotto collant spessissimi! Poi mi piacciono tanto le cinture in vita.. vanno bene solo per la forma a pera o anche per la forma a rettangolo ci possono stare?

        • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

          Ci possono stare, ma solo con i volumi morbidi, altrimenti mettono in evidenza il volume squadrato. E noi non vogliamo! Prova gli abitini voluminosi, vedrai che differenza! Però pantaloni ok, ma dovresti alzare il punto vita. Presto dedicherò un post proprio ai pantaloni. Baci.

  • Sabrina ha detto:

    Ciao Iaia. Post utilissimo ed edificante! Però a me che sono minutina cosa consigli? Sai, faccio molta fatica a trovare abiti della mia misura e che mi valorizzino. E in più mi piacciono abbinamenti discreti ma al tempo stesso curati ed eleganti. Mi daresti dei consigli magari anche suggerimenti su brand proposti in Qvc che possano starmi bene? Ti ringrazio di cuore…Di te mi fido! Un abbaccio.

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      E certo cara, che ti aiuto! Però mi devi dare qualche informazione in più. Sei minuta più rotonda (tipo piccola mela) o più a clessidra? Comunque ti prometto che presto dedicherò un post proprio alle ragazze tiny, come te…

      • Sabrina ha detto:

        Sono magrolina ma proporzionata. Altezza 1.60 e 44 kg di peso. Poco seno. Penso di avvicinarmi al canone di donna “a clessidra” ma con la variante del seno piccolo e misure davvero small!

  • Lapippipessa ha detto:

    Hai fatto tu i disegni??? Ma dai, sono troppo carini!!! Non buttarti giù, veramente deliziosi, parola di diplomata al Liceo Artistico!!!
    Comunque, post super utile e super interessante. Quante donne migliorerebbero il rapporto col proprio corpo se solo sapessero conoscerlo e valorizzarlo.
    Per deformazione professionale, conosco bene l’argomento moda…e posso dire con CERTEZZA che “VA DI MODA, NON SIGNIFICA MI STA BENE”!!!
    Ecco, questo è un concetto a cui tengo molto e che vorrei che altre donne capissero. Vedo persone “mascherarsi” con capi che non gli donano affatto solo perché quel capo particolare è di tendenza o perché lo ha una sua amica!!!
    Trovo tutto questo assurdo…ci vuole consapevolezza del proprio corpo e un pizzico di gusto ( quello si ) …e lo stile, la moda…la facciamo noi!!!
    Un baciotto Iaia!!!

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      I tuoi complimenti per i disegni mi hanno fatta gongolare che neanche quando in seconda elementare la maestra lesse il mio temino a tutta la classe. 😉
      Riguardo il resto… Hai proprio ragione! La moda la facciamo noi! Si deve, secondo me, buttare un occhio alle tendenze e reinterpretarle non solo secondo il nostro gusto ma anche secondo il nostro fisico. Io i jeans a vita bassissima non li compro proprio più. E ho finito per sempre di dire “Non mi sta bene gneeeenteeee!”

      • Lapippipessa ha detto:

        Complimenti sinceri, davvero!!!
        Posso approfittare di questo spazio per chiederti un parere?
        Capodanno 2014, New York City…Freddo polare…Neve prevista…
        Ora…va bene coprirsi…ma non vogliamo essere anche un pò fashion nella patria di Carrie Bradshaw ???
        Pensavo ai miei fedeli biker neri borchiati…Tu credi che con 4-5 paia di calzini di lana ci starei calda??? Me li bocci??? Fammi sapere!!!
        Suggerimenti più che accettati…la mia valigia ha bisogno di settimane per essere concepita…
        Grazie in anticipo, muchos besos!!!

        • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

          Dipende da quanto sono pesanti i Bikers. I miei, ad esempio, pesano una tonnellata e, con calzettoni pesanti tengono caldo. Se guardi su Instagram le mie foto del capodanno a Parigi, li ho avuti perennemente ai piedi (e faceva freddissimo)
          Potresti aggiungere poi un bel paio di leggins colorati e un vestitino in maglia, magari un po’ luccicoso! Un bel cappotto e sciarpa e cappello che riprendano il colore dei leggins! E via, sarai perfetta! 😉

          • Lapippipessa ha detto:

            Diciamo che anche i miei biker pesano un bel pò…Proverò a fare come mi hai suggerito ti….e ovviamente andrò a sbirciare su Instagram i tuoi look!!!
            Grazie mille!!!

  • Ari ha detto:

    Il post è carino e per una volta non copiaincollato (non dico che tu lo faccia eh, ma in genere i post su questo argomento sono scopiazzature da altri blog), ma ti segnalo un piccolo e simpatico errore: invece che “coulisse”, hai scritto “Ulisse”! 😀
    E comunque sì, i disegni sono carinissimi 🙂

  • Giulia Rietti ha detto:

    Ciao,
    ti rendo subito le cose difficili: sopra mela e sotto pera…
    Vediamo se sei davvero una strega :D.
    P.S.: i disegni sono deliziosi, fossi in te non li cambierei con quelli di una professionista. Sono carini proprio perché si capisce che li ha fatti tu e avvalora l’affermazione che ci tenervi tanto al post

    • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

      Devi creare il tuo Cross tra le due tipologie di fisico e rispettivi outfit. Comunque non credo che tu sia una mela/pera ci sarà di sicuro una delle due parti predominante. In ogni caso terrei l’indicazione dei tessuti scivolati sotto (pera) e sposterei il punto vita in alto, sotto seno, valorizzandolo con una bella cintura.

      • Giulia Rietti ha detto:

        Ho letto quasi tutto il tuo blog da ieri pomeriggio a ieri sera. Ho pianto, ho visto una bellissima sposa in un altrettanto bello abito da sposa e stamani mi sono svegliata propositiva e avevo voglia di cercare intornoa me un po’ di magia, ho chiesto alle mie amiche di fare la lista per me e avrei tanto voluto abbraccia rti più di una volta.
        P.S.: ora ne ho le prove, sei davveroununa strega 😀
        P.P.S.: che vuol dire fare il cross??? Considera che io sono un caso disperato un po’ come la tua amica…

        • IaiaTheBlondeWitch ha detto:

          Ti abbraccerei volentieri anche io, per questo commento, che ora Screanshootto per ricordarlo sempre. Cross vuol dire diciamo “fusione”, ponte. Devi unire i due stili per trovare il tuo. Primo passo alza il punto vita! Funziona, vedrai. E usa tessuti strutturati, tipo il Punto Milano.
          A presto Giulia. Su queste pagine che ormai sono anche tue…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *