Affronta la giungla maschile. Stregali tutti!

Ora che, finalmente, ti sei innamorata di te stessa ( se ancora non l’hai fatto qui ti spiego come)e ti muovi nel mondo come la più affascinante delle streghe seduttrici, sei pronta per procedere.

Puoi affrontare la giungla maschile. Siamo qui per questo, giusto? E allora… Bisogna uscire di casa.

Se non ti senti ancora del tutto preparata, beh, rilassati… Questo capitolo ti servirà per consolidare quanto appreso fin’ora e a scolpire a chiare lettere nella tua mente quanto tu sia meravigliosa.

Cominciamo a cosiderare “i maschi”, un divertente strumento per arrivare più velocemente al risultato: abituarsi ad essere irresistibili!

La prima cosa che devi tenere a mente è banalissima, ma sacrosanta.

L’uomo è cacciatore. La donna è preda.Già ti sento “Ancora questi vecchi stereotipi… E’roba superata! Siamo nel 2014!”

2000, 123 a. C o 23000 Odissea nello Spazio, poco cambia! L’amore é un gioco. Di ruolo. I maschi, che sanno divertirsi molto meglio di noi e desiderano continuare a farlo il più a lungo possibile, questo lo sanno bene.

Quindi, vedremo come giocare. E come vincere, ragazze!

Poniamoci quindi nella posizione di una preda. La preda non insegue nessuno. La preda non cerca minimamente di attirare l’attenzione del predatore, sarebbe del tutto sconveniente! Bruca betamente la sua erba e non si preoccua di muovere il suo sedere.

Quindi,per prima cosa, dovresti totalmente dimenticare tutte le “battute di caccia” a cui le donne si sono abituate in questo secolo,purtroppo, aggiungo.

Hai presente quelle serate in cui si parte con la simpatica idea “Ma sì, ci facciamo una serata tra ragazze!” e ci si ritrova in situazioni in cui gruppi di donne urlanti e “acchittate da gara”, magari anche un po’ brille, si agitano come scalmanate nel locale di turno? Fingono una sicurezza che in realtà non hanno, sono in una condizione che vogliono far passare per naturale ma che naturale non sarà mai, troppi dettagli in loro ricercano apertamente, e spesso pateticamente, l’attenzione del maschio . Manca solo che tengano in mano un cartello con su scritto “Sono disperata!”.

Pertanto comincia a declinare tutti gli inviti che potrebbero farti trovare in situazioni simili, esci solo quando ti va davvero e per godere della compagnia di persone piacevoli. Esci per divertirti e poi divertiti davvero. E se non ti diverti, torna a casa.

Tieniti alla larga da situazioni che ti facciano sentire a disagio e avrai già posto un netto confine tra quello che devi essere, una preda sensuale, e quello che non dovrai mai diventare un oggetto sessuale. Le due categorie, che a primo acchito potrebbero apparire simili, in realtà si differenziano di molto l’una dall’altra. A dirla tutta, nulla le accomuna.

Di post in post tratteremo tutte le differenze tra l’una e l’altra.

Partiamo dalla più banale di tutte. Look e atteggiamento.

L’immagine é il primo segnale che dichiara a quale delle due categorie si appartiene e i maschi sono perfettamente in grado di captare al volo se hanno di fronte una preda o un oggetto. Gli uomini sono predatori istintivi, ogni loro azione è mossa dai sensi primari. La vista, che ti piaccia o no, è senza ombra di dubbio il senso più sviluppato. Sarà proprio l’impressione iniziale che darai di te a segnare il primo passo in direzione preda da cacciare o un oggetto con cui divertirsi un po’.

La distinzione è semplice. La preda sensuale ha un’immagine in “area di comfort”, l’oggetto sessuale è fuori dall’area di comfort.

L’area di comfort è lo spazio (definito da look e atteggiamento) in cui ti senti perfettamente a tuo agio e rilassata. E’ difficile da definire e varia molto da donna a donna. Impareremo ad ampliare man mano la tua area di confort, in modo che tu ti avvicini sempre di più all’immagine di “strega irresistibile” che ti sei prefissata, senza però fare balzi azzardati, che ti facciano sentire a disagio.

So che alcune di voi staranno pensando “Io voglio sentirmi libera di vestirmi come voglio!”. Ci sono poche cose, a questo mondo ,che si possano fare realmente liberamente. In ogni caso, se stai leggendo queste parole, probabilmente non sei soddisfatta delle tue relazioni. Molto probabilmente sei lontana dal definire te stessa “irresistibile”.

Non ti sto dicendo di non vestirti come vuoi. Ti sto dicendo di vestirti come piace a te. Per te. E per nessun altro. In realtà è molto semplice. Prima di uscire di casa per una serata chiediti “Mi sento bene? Mi vedo bella? Sto comoda? Mi sento a mio agio? Mi sento rilassata?” Se la risposa a tutte queste domande è sì allora sei in area di comfort.

Gli uomini http://farmaciainitalia.com/cialis.html captano al volo quando una donna sta “faticando”, per attirare l’attenzione del sesso opposto. Una donna fuori dall’aria di confort mette in mostra la mercanzia troppo e troppo presto. Non ha niente a che vedere con la profondità della tua scollatura. Ha a che vedere piuttosto con quanto tu stai serena con quella scollatura. Una scollatura troppo profonda, una minigonna troppo corta, un trucco che ha richiesto più lavoro del restauro della Cappella Sistina comunicano a chiare lettere “insicurezza e bisogno”. I maschi si accorgono immediatamente che quella “mise” ha richiesto fatica. Che probabilmente quella ragazza ha trascorso la settimana in jeans e ballerine e, in quell’occasione, si sta giocando tutte le carte che ha. Se ne accorgono perchè comunica bisogno. Non sicurezza. Traduzione maschile: cerca un uomo! Posso divertirmi!

La serata finirà con un flop e lei si chiederà: “Cos’ ho di sbagliato? Sono brutta? Ci ho messo ore a prepararmi!”

Viceversa la preda sa come mostrare al mondo quanto sia meravigliosa, senza bisogno di sbraitare “Guardami!!!! Guardami!!!” e in questo modo attirerà molti più sguardi di tutte le altre.

Indossa il suo vestito preferito, quello che la fa sentire splendida e a suo agio, ha messo il profumo che le piace. Niente in lei risulta stonato o esagerato. Semplicemente è affascinante perchè è nella sua area di comfort. Per quella serata ha deciso di mantenere il suo “solito stile”, magari con dei dettagli un po’ più glamour, ma è chiaro ed evidente quanto non abbia faticato. Anzi… Appare così rilassata che si direbbe che si sia svegliata già perfetta. Sembra difficile eh? In realtà è molto semplice e, una volta presa la mano, capirai perfettamente come fare.

La strega irresistibile sa di essere meravigliosa. Sa che tutti la guarderanno. Perchè dovrebbe agitare le piume per attirare l’attenzione? Non ne ha bisogno. Non è uscita per questo motivo. E’ uscita per divertirsi e stare bene.

Se vuoi trasformarti in una vera strega devi uscire dalla tua area di comfort poco per volta, in modo da apparire sempre perfettamene “a tuo agio”. Ciò significa che se le scarpe più alte che hai indossato nella vita sono le Converse, potrai apparire a tuo agio con un tacco 5, di certo non con le pump! Un giorno ci arriverai, ma solo quando la tua sicurezza te lo consentirà.

Ovviamente anche il tuo atteggiamento comunica in maniera inequivocabile a quale delle due categorie appartieni.

L’oggetto sessuale è, per così dire, “sopra le righe”. Parla troppo forte, gesticola molto, ammicca, crede di essere “provocante”. A meno che quella ragazza non sia una simpatica intrattenitrice naturale (dono che alcune hanno, effettivamente) per gli uomini risulerà semplicemente “ansiosa”, in cerca di consensi, e quindi debole. A quel punto supponiamo che lei stia puntando da ore il maschio che le piace. E’ probabile che lui le si avvicini, certo. Ma con quale intenzione? Sta facendo tutto lei! Non c’è niente da scoprire. Perchè dovrebbe faticare per lei? Non appena le si accosterà lei avrà l’aria soddisfatta ed esultante, penserà di aver vinto e invece avrà appena segnato l’inizio della sua disfatta.

La preda sensuale al contrario non fa assolutamente niente per attirare l’attenzione, fa solo quello che farebbe se in circolazione non ci fosse neanche un maschio. Parla con la sua amica e ride con lei, beve il suo drink chiacchierando solo se le va e solo con chi merita la sua attenzione, si guarda intorno, studia la situazione. E’ rilassata. E in questo modo potete giurare che attirerà molte più attenzioni maschili di quella indemoniata che si agita al centro della pista col sedere di fuori. O perlomeno attrarranno attenzioni diverse. L’uomo che le si avvicinerà sarà incuriosito dalla sua sicurezza, probabilmente si chiederà cos’abbia di speciale e perchè sia così serena.

Una volta avvicinatosi si accorgerà che lei non è minimamente stupita nè ha l’aria di aver appena segnato un goal. Semplicemente tutto in lei dirà “Sì. Sei interessato a me. Dovrei stupirmi? Mi pare ovvio!”

Attenzione. Questo non ha nulla a che vedere con l’essere una arrogante presuntuosa insopportabile! Una strega é simpatica e cordiale. E poi… Magari quell’uomo le piace! Magari anche lui ha attirato la sua attenzione! E lei sa come fare per far sì che lui, tornando a casa, la ricordi come una creatura magica. Sa come far sì che lui, per i giorni a venire, non riesca a smettere di pensare a lei.

In QUESTO POST vedremo come.

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *